Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL CASO

Addio a Splinder, la piattaforma italiana dei blog

Oggi l’ultimo giorno online. Creata nel 2001 dalla Tipic, negli anni non ha retto la concorrenza di Wordpress e Blogger

31 Gen 2012

Giampiero Rossi

Ultimo giorno online dopo dieci anni di attività per Splinder, storico sito dei blogger italiani. Come annunciato gia ad qualche mese, oggi è la deadline per la piattaforma sviluppata in lingua italiana nel 2001 dalla società Tipic Inc, oggi parte del Gruppo Dada. Ideata da Marco Palombi e sviluppata insieme a Fabio Cabula e Andrea Santagata, Splinder è stata uno dei grandi successi del web fino al 2008, quando poteva contare su 400mila blog e 600mila iscritti. Da allora, tuttavia, si è fatta sentire la concorrenza di altre piattaforme, su tutte WordPress.com (lanciata a fine 2005) e Blogger (resa disponibile da Google in italiano a fine 2006).
Splinder offriva funzionalità di blog, multimedia, messaggistica istantanea, motore di ricerca e la tecnologia di sviluppo si basava soprattutto su software libero e protocolli aperti (Linux, Php, Xmpp). Grande attenzione era riservata alla comunità dei suoi iscritti, con strumenti pensati per facilitare la comunicazione e lo scambio di opinioni via chat, la funzione di vetrina svolta dalla home page di Splinder ed altre pagine per mettere in evidenza utenti e contenuti pubblicati.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
blog
I
internet