Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

E’ ufficiale: News Corp pronta a cedere MySpace

Il Coo Chase Carey: “E’ il momento giusto per collocare il social network”. Ma non si escludono altre ipotesi, dalla ristrutturazione all’ingresso di nuovi investitori

03 Feb 2011

News Corp conferma le voci sulla vendita di MySpace. Durante la
presentazione dei risultati trimestrali – con utili più che
raddoppiati per il gruppo di Murdoch – il Chief operating officer,
Chase Carey, ha spiegato che è "il momento giusto" per
cercare di collocare MySpace "sotto un nuovo
proprietario".
"Riconosciamo che il piano per consentire a MySpace di
raggiungere il suo pieno potenziale può essere sviluppato meglio
sotto una nuova struttura proprietaria e stiamo valutando le
alternative strategiche – ha sottolineato – Crediamo che per News
Corp ora sia il momento giusto per considerare opzioni strategiche.
Potrebbe essere la vendita, l'ingresso di un nuovo investitore
o una ristrutturazione". 
A gennaio News Corp ha annunciato il licenziamento di quasi la
metà del personale del social network e chiuso le sedi in diversi
Paesi, tra cui l'Italia.

Già in quell'occasione già Rosabel Tao, portavoce di News
Corp aveva rivelato che “la società sta valutando una serie di
possibilità, che includono una vendita, una fusione o uno
spin-off”.

Acquisito da News Corp nel 2005 per 580 milioni di dollari, MySpace
negli ultimi anni non è riuscito a tenere il passo di Facebook e
Twitter. Il social network ha chiuso l'esercizio fiscale nel
giugno scorso con una perdita di poco inferiore ai 100 milioni di
dollari. Ad ottobre MySpace ha svelato un nuovo look volto ad
attrarre gli internauti più giovani. Dopo il restyling il social
network ha registrato 3,3 milioni di nuovi profili, mentre tra
novembre e dicembre gli utenti che accedono al sito dal telefonino
sono aumentati del 4% superando i 22 milioni. Ma evidentemente non
è bastato.