Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La British Library “porta” Jane Austen su Kindle

Dalla prossima primavera le opere di autori inglesi dell’Ottocento, conservate nella biblioteca, saranno scaricabili gratuitamente sul lettore di Amazon

09 Feb 2010

Il patrimonio della British Library di Londra sbarca su Kindle. La
prossima primavera più grande biblioteca pubblica del mondo 
renderà disponibili oltre 65mila libri dell'Ottocento, che si
potranno scaricare gratuitamente sul lettore di libri elettronici
targato Amazon, in una versione che conserva l'aspetto –
illustrazioni comprese – delle preziose edizioni originali.

La British Library ha scelto libri di scrittori inglesi del XIX
secolo che possono essere distribuiti senza problemi, in quanto
liberi da copyright (il diritto d’autore scade 70 anni dopo la
morte dell’artista ndr): dalle opere di Charles Dickens a quelle
d Jane Austen e Thomas Hardy, da centinaia di classici di
romanzieri dell'età vittoriana, tra i quali Edward
Bulwer-Lytton e Ella Hepworth, fino ai narratori oggi ignorati o
dimenticati, come Edward Viles o J. M. Rymer.

'Si tratta di un’operazione dallo straordinario significato
culturale perché mette a disposizione opere difficilmente
reperibili anche sul mercato antiquario – commenta un portavoce
della British Library – . La British Library spera nei prossimi tre
anni di poter estendere il progetto di digitalizzazione dei libri
con la possibilità di scaricare titoli gratuitamente fino ai primi
due decenni del XX secolo”.

L'iniziativa ''free ebooks downloads'' della
British Library, realizzata con il contributo di Microsoft, appare
come una sfida al mercato dei tascabili cartacei e dei libri
elettronici. Una sfida che Amazon è già intenzionata a
raccogliere. L’azienda sta infatti lavorando alla
commercializzazione di una selezionata collezione di tascabili
della letteratura ottocentesca inglese simili alle edizioni
originali e sta pensando di attivare un servizio di ''print
on demand'' per i titoli messi a disposizione dalla
prestigiosa biblioteca.

    

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link