Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA CESSIONE

La7, in arrivo offerte al ribasso

Cinque i pretendenti in lizza: Clessidra, H3g, Cairo Communication, Discovery Channel e Rtl. Non convincono le stime “troppo ottimistiche” della raccolta pubblicitaria

24 Set 2012

P.A.

Prezzi al ribasso per l’acquisto de La7, la tv messa sul mercato da Telecom Italia. Questo l’orientamento dei pretendenti in lizza per l’acquisto dell’emittente di TI Media e di Timb, la società proprietaria delle frequenze. Scade oggi alle 17 il termine per la presentazione delle offerte non vincolanti per La7. In lizza, secondo il Messaggero, ci sono cinque pretendenti: il fondo Clessidra, l’operatore H3g, Cairo Communication (già detentore del contratto pubblicitario di La7), Discovery Channel e la tedesca Rtl, controllata da Bertelsmann. Telecom si riserva di comunicare nei prossimi tre giorni i soggetti ammessi alla fase 2 del processo di vendita.

I potenziali acquirenti vorrebbero limare al ribasso il prezzo d’acquisto, giudicando “troppo ottimistiche” le stime alla base del piano industriale 2012-2015, in particolare sul fronte dell’outlook della raccolta pubblicitaria. Nel prospetto di vendita il gruppo ipotizza un incremento del 19% della raccolta pubblicvitaria di La7 nel 2013 e ricavi in aumento del 33% a 190 milioni l’anno prossimo, per arrivare a 240 milioni nel 2015.

La quotazione in borsa di TI Media è lievitata a 273 milioni di euro, in crescita del 20,84% nell’ultimo mese. Sul mercato c’è il 77,7% di TI Media, detenuto da Telecom Italia, e nel prezzo (enterprise value) vanno considerati anche il prezzo dell’Opa e i debiti di 220 milioni di euro.
Telecom si riserva infine di rivedere i termini del contratto pubblicitario con Cairo.