Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RIUNIONE

Stati generali dell’editoria, porte aperte all’informazione online

Lunedì 25 marzo alla riunione in programma presso la Presidenza del Consiglio siederà per la prima volta anche l’Anso. Marco Giovannelli: “Chiediamo di essere ascoltati nell’interesse del settore e della collettività. Non possiamo più essere considerati quelli delle fake news”

22 Mar 2019

A. S.

Nel prossima riunione del tavolo, in programma per lunedì 25 marzo nella sala polifunzionale di palazzo Chigi, agli Stati generali dell’editoria siederanno anche i rappresentanti dell’informazione online.

A volere l’incontro il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vito Crimi, che aprirà la riunione. A rappresentare gli editori dell’online sarà l’Anso, Associazione nazionale stampa online.

“L’editoria digitale opera da vent’anni e in tutto questo periodo ha vissuto profonde trasformazioni sempre con l’attenzione di garantire la qualità dell’informazione – osserva Marco Giovannelli, presidente di Anso – Ringraziamo il Governo per averci invitato al primo tavolo di confronto per gli Stati Generali dell’editoria. Dopo l’approvazione della riforma della stampa che ha inserito nei prodotti editoriali anche il quotidiano online, questo è il segno del lungo lavoro svolto fin qui dalla nostra associazione che rappresenta principalmente il mondo delle testate locali, uno dei punti di riferimento per tutti i cittadini. L’editoria digitale ha sempre camminato con le proprie gambe e non ha mai avuto, e non vuole, sostegni speciali – prosegue – Svolgiamo da sempre un lavoro dentro le comunità. L’editore nativo digitale vuole essere considerato e trattato come tutti gli altri editori e per questo chiediamo di esser ascoltati nell’interesse non solo di chi si impegna e lavora ogni giorno, di tutto il settore dell’editoria, ma anche di tutta la collettività. Non possiamo più essere considerati ‘quelli dell’anarchia e delle fake news‘ quando invece si rappresenta in pieno lo spirito delle Pmi italiane. In questa ottica ci siamo battuti da sempre per rivedere la disciplina sul copyright approvata dal Parlamento Europeo perché andrebbe a ricadere con effetti pesanti soprattutto per la piccola editoria”.

Dopo l’intervento, alle 9, del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, è prevista una tavola rotonda con la partecipazione di Marco Giovannelli, presidente Anso, Andrea Riffeser Monti, presidente Fieg, Raffaele Lorusso, segretario generale Fnsi, Carlo Verna, presidente dell’ordine dei giornalisti, Francesco Saverio Vetere, presidente Uspi e Giovanna Maggioni, direttore generale Upa. A moderare gli interventi sarà Ferruccio Sepe, Capo dipartimento Informazione e Editoria, mentre a Vito Crimi sono affidate l’apertura e la chiusura dell’incontro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
Marco Giovannelli

Aziende

A
Anso

Approfondimenti

E
editoria
F
fake news
I
informazione
O
online

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2