Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Brunetta porta l’e-gov dei ‘piccoli innovatori’ a Shanghai

Da oggi fino al 31 agosto al via il concorso “L’Italia degli innovatori” per la selezione di progetti innovativi inerenti a e-gov, ambiente, architettura, mobilità, sicurezza e comunicazioni. 

03 Giu 2009

L’e-government dei “piccoli” innovatori sbarca all’Expo
2010 di Shanghai. Il ministro della PA e Innovazione, Renato
Brunetta, e il commissario generale Shanghai 2010, Beniamino
Quintieri, hanno presentato oggi a Roma il progetto  “Italia
degli Innovatori – i migliori progetti nazionali
all’Esposizione Universale di Shangai”. Il progetto prevede
un bando di concorso aperto gli innovatori (Pmi, consorzi,
università, centri di ricerca e parchi tecnologici) – “in
particolar modo i piccoli che spesso hanno poca visibilità”,
ha tenuto a specificare Brunetta – che hanno elaborato progetti
innovativi inerenti il tema del prossimo Expo, “Better city for
better life: una vita migliore nel futuro sviluppo delle città
del pianeta”, centrati su e-gov e servizi al cittadino,
comunicazioni e media, sicurezza mobilità e ambiente.

“Abbiamo prediletto un approccio bottom up per dare a tutti gli
attori del sistema dell’innovazione Made in Italy di emergere,
farsi conoscere e cogliere tutte le opportunità di business che
l’Expo può generare – ha poi puntualizzato il ministro -. I
migliori progetti verranno selezionati da una commissione di
esperti scelta da hoc ed esposti a Shanghai nel padiglione
dedicato all’Italia”.

Da oggi fino al 31 agosto Tutti i soggetti interessati al
concorso dovranno inviare la propria manifestazione di interesse
al sito del Ministero per la PA e Innovazione
(www.innovazionepa.gov.it), descrivendo i progetti e le
tecnologie che li supportano. “A Shanghai verrà realizzata una
mostra temporanea delle innovazioni tecnologiche italiane – ha
concluso il commissario Quintieri -. Verrà poi creato un sito ad
hoc per pubblicare tutte le iniziative, anche quelle non
selezionate dalla commissione nonché un book cartaceo”.