Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La dichiarazione sul web raddoppia. Online anche ‘Unico mini’

01 Giu 2009

La dichiarazione dei redditi online raddoppia. Accanto ad Unicoweb
per la compilazione del modello Unico Pf che compie un anno,
infatti, arriva anche Unico mini, per i contribuenti con i redditi
più comuni. A comunicarlo è l'Agenzia delle Entrate che mette
così a disposizione la dichiazione online anche con il modello
supersemplificato. 

Con "Unico mini', tutti possono compilare e trasmettere la
dichiarazione dei redditi comodamente da casa, seduti al proprio
pc, per usarlo basta avere un computer e un collegamento a internet
e non c'è bisogno di scaricare alcun software.
Occorre però avere un codice pin, che puo' essere richiesto
tramite il sito internet dell'Agenzia –
www.agenziaentrate.gov.it – compilando un apposito modello. Il
sistema fornisce subito le prime 4 cifre del codice pin, mentre le
successive 6 saranno recapitate direttamente a casa del
contribuente entro 15 giorni, insieme alla password per il primo
accesso. In alternativa, il pin può essere richiesto
presentandosi, con un documento di riconoscimento, presso un
qualsiasi ufficio dell'Agenzia.

Anche il call center delle Entrate – che risponde al numero
848.800.444 – è a disposizione dei contribuenti che vogliono
accreditarsi per poter utilizzare i servizi online
dell'Agenzia.
Non tutti però possono usare il modello ridotto, dedicato ai
contribuenti residenti in Italia che hanno percepito uno o più
tipi di redditi tra: redditi di terreni e di fabbricati, di lavoro
dipendente o assimilati, di pensione, derivanti da attività
commerciali e di lavoro autonomo non esercitate abitualmente e che
intendono fruire delle detrazioni e deduzioni per gli oneri
sostenuti e delle detrazioni per carichi di famiglia e lavoro.

Gli altri, invece, saranno dirottati su Unicoweb, ma non se si
tratta di contribuenti soggetti agli studi di settore, con redditi
da partecipazione o che devono presentare il modello Iva. Questi
ultimi, infatti, non potranno fare a meno di optare per Uniconline
e dovranno, di conseguenza, scaricare sul pc il relativo software.
Grazie al test, però, non e' necessario conoscere a menadito a
quali condizioni è possibile utilizzare l'uno o l'altro
software: basterà, infatti, rispondere a poche, semplici, domande
per essere correttamente indirizzati.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link