Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

AGENDA DIGITALE

Ngn, alla Camera due risoluzioni per promuovere la fibra

Via libera della Commissione Trasporti, alla presenza del sottosegretario Massimo Vari, ai documenti promossi da Pd-Udc e Pdl-Lega. Si punta a un tavolo per favorire intesa Telecom Italia- Metroweb

06 Lug 2012

P.A.

Due risoluzioni per favorire lo sviluppo della banda larga in Italia. Sono i provvedimenti approvati dalla commissione Trasporti alla Camera, presente il sottosegretario allo Sviluppo economico Massimo Vari, l’uno promosso da un gruppo di deputati Pd-Udc (primo firmatario Paolo Gentiloni), l’altro su iniziativa del leghista Jonny Crosio (primo firmatario) e altri deputati della Lega e del Pdl.

La risoluzione Gentiloni mira a coinvolgere il Governo nel sostegno a due progetti, uno della società Metroweb, controllata dal Fondo italiano per le infrastrutture F2i, che prevede il cablaggio per 30 città italiane, e l’altro di Telecom Italia che ha annunciato un piano di investimenti per l’ammodernamento della propria rete e la diffusione della banda ultralarga.

Nello specifico, l’iniziativa parlamentare chiede all’Esecutivo di “istituire e convocare nel più breve tempo possibile un tavolo istituzionale per favorire il raggiungimento di un’intesa tra Telecom Italia, la Cassa depositi e prestiti e il Fondo F2i/Metroweb” e ad “avviare la realizzazione di un mirato piano di investimenti su scala nazionale nelle reti Ngn (Next generation network)”.

Il testo a firma Crosio invita invece il Governo a “verificare se vi siano le condizioni per l’istituzione di un tavolo di concertazione fra tutti gli operatori di telecomunicazioni coinvolti in progetti di sviluppo e realizzazione della rete in fibra ottica”.

Per i promotori della risoluzione, una “cabina di regia ministeriale, in grado di coinvolgere i soggetti interessati in una programmazione seria e celere per lo sviluppo della rete in fibra ottica”, servirebbe a porre fine alla “situazione di stallo venutasi a creare per via della “diatriba in corso fra gli operatori del settore”.