Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Privacy, sempre più cruciale il ruolo del Garante

Non passa giorno in cui la drammaticità della cronaca non sveli quale sia il vero tallone d’Achille della società contemporanea: l’universo dei dati personali trattati in ambiente digitale e specie su Internet. La rubrica di Rocco Panetta

20 Gen 2017

Rocco Panetta, avvocato esperto di Internet e privacy

Che il Garante per la protezione dei dati personali fosse l’Autorità Garante per antonomasia è stata da sempre una mia convinzione. Ma a ben guardare non è solo mia questa idea. Basti pensare come nell’immaginario collettivo nazionale quando si menziona “il Garante”, immediatamente il riferimento sottinteso è proprio al Garante Privacy e non già e non immediatamente all’Autorità Antitrust o all’AGCOM ovvero a qualunque altra importante Autority.

Anche all’estero, sebbene nella nomenclatura internazionale le Autorità per la privacy siano comunemente chiamate DPA (Data Protection Authority) – e ogni qual volta si nomini una DPA di uno Stato membro dell’UE, si accompagna all’acronimo DPA, il nome dello Stato nazionale a cui si vuol far di volta in volta riferimento (Spanish DPA, German DPA, ecc.) – nel caso dell’Italia, invece, è diverso, tutti dicono semplicemente: “the Garante”. Forse questo mio incipit può risultare particolarmente influenzato da note autobiografiche e accenti autoreferenziali, considerati i tanti anni in cui ho servito lo Stato proprio nelle fila dell’Autorità.

Questa mia affermazione, invece, nasce dalla scelta del primo tema da affrontare in questa mia rubrica: il cruciale ruolo del Garante nell’anno appena iniziato. Non passa giorno in cui la drammaticità della cronaca non sveli quale sia il vero tallone d’Achille della società contemporanea: l’universo dei dati personali trattati in ambiente digitale e specie su Internet. E’ vero, i dati personali ed il loro mercato rappresentano anche l’elemento pivotale ad ogni livello, economico, sociale e istituzionale. L’anno è iniziato con i dossier della CIA che svelano interferenze digitali da parte di cybercriminali russi; è poi continuato con una serie di piccoli, medi e grandi data breach e attacchi informatici dalle proporzioni e conseguenze le più diverse. Infine l’allarme per l’attacco al cuore delle nostre istituzioni da parte di quella coppia di fratelli forse affiliati a massoneria e finanza deviata.

Cybersecurity e cybercrime sembrano essere le due facce della stessa medaglia, e sono certo che anche nel 2017 terranno verosimilmente banco a tutti i livelli. E’l’anno in cui si dovranno scrivere le regole nazionali di recepimento della direttiva NIS, in materia di politiche di cyber sicurezza nazionali nonché l’anno in cui Parlamento e Governo dovrebbero uscire dall’ambiguità attuale e far sapere al Paese se intendono usare, e come, la delega per rimpolpare il regolamento UE 679/2016, c.d. GDPR, in materia di libera circolazione e protezione di dati personali, che dal 2018 sostituirà le vigenti leggi nazionali sulla privacy basate sulla direttiva 95/46/CE. Chi è il protagonista assoluto di tutte queste partite se non il Garante della privacy? Chi sarà tenuto a svolgere nei prossimi anni l’alto ruolo di controllo e garanzia per la corretta circolazione dei dati se non il Garante, anche nella nuova ottica in cui l’accountability di aziende e p.a., la valutazione di impatto privacy e la privacy by design diventeranno le colonne portanti del sistema? L’attuale Collegio guidato egregiamente da Antonello Soro raccoglie l’eredità del Garante Stefano Rodotà, prima, e di Franco Pizzetti, poi.

E anche il segretario generale Busia, storico dirigente dell’Autorità, si muove a suo agio nel solco dei suoi predecessori, tra tutti Buttarelli e De Paoli. Ciò che invece cambia totalmente è l’insieme delle nuove sfide che il Garante è chiamato a raccogliere: in primis i nuovi poteri sanzionatori che il GDPR gli riconosce e che permetteranno all’Autorità di irrogare sanzioni fino a 20 ml di Euro o fino al 4% del fatturato annuo globale di gruppo del trasgressore. In secondo luogo, il Garante è chiamato ad attualizzare i suoi tanti importanti provvedimenti emanati negli anni. Non abbiamo bisogno di nuove Autorità con nuovi poteri, abbiamo bisogno che le istituzioni esistenti, con una storia importante e meritoria, siano supportate da noi e si aprano al tempo stesso ad aziende e cittadini. La sfida che la società delle macchine ci propone è capitale per i diritti e le libertà di tutti. Dobbiamo attrezzarci al meglio: meno male che il Garante c’è.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link