Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SMART CITY

Reggio Emilia adotta l’Agenda digitale “locale”

Il Comune lancia il piano telematico per una crescita “intelligente”. Fibra ottica, servizi online e open data i pilastri. Il sindaco Delrio: “Crescita economica strettamente collegata all’innovazione”

29 Mar 2012

Federica Meta

Reggio Emilia ha la sua Agenda digitale. Il Comune ha presentato una strategia finalizzata a promuovere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, puntando sulle nuove tecnologie digitali e di rete. Tra i progetti prioritari in cantiere, la creazione di infrastrutture, la didattica digitale, il risparmio energetico e la semplificazione amministrativa.

“L’Agenda digitale di Reggio Emilia è un pezzo importante delle strategie di “Cresci Reggio” per lo sviluppo sostenibile della città – spiega sindaco Graziano Delrio – Consiste in una serie di azioni e iniziative, che l’amministrazione comunale mette in campo per rendere il nostro territorio più competitivo. La sfida vera è far crescere il nostro territorio, economicamente oltre che da un punto di vista culturale e civico. E la crescita economica è strettamente collegata con l’innovazione tecnologica. Sono temi particolarmente avvertiti dal sistema delle imprese, medio-piccole e grandi. Per questo il Comune pur non avendo obblighi istituzionali in tal senso, ha deciso di mettere in campo azioni per rendere più efficiente l’operatività delle aziende e della Pubblica amministrazione, dato che si ottengono grandi benefici e risparmi da una Pubblica amministrazione efficiente, quindi per fare di Reggio una città che gli inglesi definiscono smart, cioè amichevole, capace di aiutare i cittadini a consumare meno energia, a sfruttare al massimo le potenzialità delle nuove tecnologie”.

Tra gli obiettivi più rilevanti del piani c’è la creazione di un Piano regolatore e il Catasto delle infrastrutture. “Lo scopo puntualizza il primo cittadino – è avere un’idea precisa delle infrastrutture di rete presenti in città per favorire il governo del territorio, e definire i prossimi interventi in modo da limitare al minimo l’impatto ambientale e i disagi per i cittadini. Nella linea d’azione rientra anche la redazione di un nuovo regolamento semplificato per la posa delle prossime reti”.

Focus anche sulla fibra ottica. Attraverso tavoli di programma e la collaborazione con altri enti, si punta a favorire e incentivare il più possibile l’operato dei privati per la diffusione delle reti in banda larga e ultralarga mentre la creazione di centri tecnologici per la didattica faciliteranno la cablatura degli istituti scolastici.

“La principale azione – prosegue il sindaco – è posare una grande autostrada della cosiddetta banda larga e ultra larga, un’autostrada telematica che consenta di far viaggiare grandi quantità di informazioni, arrivando a decuplicare la potenzialità della rete. In questo modo, le aziende sono in grado di poter lavorare attraverso Internet, avendo a disposizione notevoli opportunità di sviluppo del lavoro e del prodotto, e di risparmio”.

E per dare un’idea del risparmio indotto dall’autostrada digitale, Delrio cita gli Stati Uniti. “La crescita del Prodotto interno lordo degli Stati Uniti è stata quasi totalmente sostenuta dall’investimento in nuove tecnologie – ricorda – Sappiamo, anche dal confronto che come Anci abbiamo con il ministro Profumo che su questo tema sta lavorando molto insieme con le città, che un punto e mezzo di Pil potrebbe essere mosso da nuove tecnologie. Anche a Reggio Emilia dunque le potenzialità potranno aumentare di molto”.

Aderendo al progetto della Regione Emilia Romagna e del Piano Telematico “dati.emilia-romagna.it”, la città si impegna a rilasciare dati dato in formato aperto e riusabile riguardanti la cartografia, l’edilizia e la popolazione (open data).

Per quanto riguarda invece l’identità digitale unica per l’accesso ai servizi, il Comune opererà in stretta collaborazione con la Regione, e favorirà soluzioni che permettano ai cittadini e alle imprese di accedere a servizi on line erogati da più enti, ma anche da alcuni privati, usando sempre le stesse credenziali di accesso (username e password).

Tra le attività in cantiere figurano interventi per permettere a cittadini e imprese di ottenere i certificati anagrafici on line e con essi alcuni servizi bibliotecari e da parte dei cimiteri. Via libera anche ai micro-pagamenti on line nei confronti dell’ente.

L’utilizzo delle nuove tecnologie sarà infine favorito anche all’interno dell’ente, e nei processi di lavoro con le altre istituzioni territoriali e statali, sia per avere un quadro più preciso del suo operato e intervenire dove necessario per ridurre sprechi e inefficienze, sia per favorire nuove modalità e processi di lavoro permettano di ottenere risparmi e ottimizzare le risorse, e allo stesso tempo più efficacia ed efficienza.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link