Internet, Eutelsat lancia il primo satellite "software-defined" - CorCom

ULTRABROADBAND

Internet, Eutelsat lancia il primo satellite “software-defined”

Le funzionalità del Quantum satellite possono essere interamente riprogrammate mentre è in orbita. Rivoluzione per i servizi di connettività basati sullo spazio

03 Ago 2021

Patrizia Licata

giornalista

Eutelsat ha messo in orbita il primo satellite completamente software-defined, il Quantum satellite: ha un’impostazione interamente basata sul software che permette di riprogrammarne le funzionalità anche mentre è in orbita. Per la società di telecomunicazioni satellitari francese si tratta di una rivoluzione per i servizi commerciali di connettività Internet basati sullo spazio.

“Eutelsat Quantum fornirà servizi con ri-configurabilità in orbita che non hanno precedenti per copertura, frequenza e potenza. Permetterà di modificare completamente la missione e di raggiungere ogni posizione orbitale”, ha affermato il Cto di Eutelsat, Pascal Homsy.

Connettività “flessibile” per il mercato mobile e la PA

Il satellite Quantum di Eutelsat (costruito da Airbus Defence and space) è stato lanciato in orbita geostazionaria da Arianespace con un razzo Ariane 5 dalla Guyana francese.

WHITEPAPER
Piattaforma DevOps-as-a-service: quali vantaggi per il canale ICT?
Personal Computing
Software

“Le sue funzionalità riprogrammabili in orbita fissano un nuovo standard di flessibilità che permetterà agli utenti, in particolare sui mercati enti pubblici e mobile, di definire attivamente le prestazioni e la copertura grazie alle sue caratteristiche software-based”, si legge nella nota di Eutelsat.

Il satellite entrerà in servizio nel quarto trimestre del 2021 e offrirà copertura capillare nella regione Mena (Medio Oriente e Nord Africa) e anche in altre aree.

Le tecnologie alla base del Quantum satellite di Eutelsat sono state sviluppate in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea (Esa) e la Uk Space agency nell’ambito di un accordo quadro di partenariato pubblico-privato tra Esa, Eutelsat e Airbus Defence and space.

La sfida a SpaceX nella connettività satellitare

Ad aprile scorso Eutelsat ha acquistato per 550 milioni di dollari il 24% di OneWeb, operatore specializzato nella fornitura di micro-satelliti a bassa orbita impiegati per le connessioni Internet ad alta velocità. Eutelsat è diventto così, al fianco del governo britannico e della società indiana Bharti Global, che detengono entrambi il 42,2% del gruppo, uno dei principali azionisti dell’azienda. Che ora dispone delle risorse per candidarsi come rivale di SpaceX.

Secondo il Financial Times, nel corso del 2021 e del 2022 OneWeb dovrebbe lanciare 648 satelliti che offriranno una copertura Internet globale in broadband. Il progetto è attualmente finanziato all’80%. Questo significa che entro la fine dell’anno la società dovrebbe essere presto in grado di fornire connettività in Uk, Alaska, Nord Europa, Groenlandia, Islanda, regione artica e Canada.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5