Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

‘Pronti a valutare la possibilità di un’alleanza con 3’

In un’intervista al Corriere della Sera il magnate egiziano boccia anche la proposta Agcom sulla newco per finanziare le reti Ngn

21 Lug 2009

Wind è pronta a valutare la possibilità di un'alleanza con 3.
Ad annunciarlo in un'intervista al Corriere della Sera Naguib
Sawiris, numero uno di Weather, a cui fa capo Wind. Alla domanda su
un possibile interesse all'acquisto, Sawiris risponde:
"No, no. Mi sembra che, a partire dall'Ad Vincenzo Novari,
abbiano l'intenzione di andare avanti da soli. Posso avere
qualche dubbio che ce la facciano, ma rispetto la scelta. Se però
ritenessero opportuna una fusione con Wind, noi saremmo pronti a
valutare la possibilità”.

Sawiris puntualizza anche che “quando ho preso il controllo di
Wind avevo chiare due cose: dovevo evitare di fare concorrenza
diretta a colossi come Tim e Vodafone sul loro stesso terreno e
dovevo aumentare il cash flow per ridurre il debito. Così ho
deciso di rinegoziare i contratti con i fornitori e rinviare gli
investimenti per la rete di terza generazione. Poi sono passato
alla fase due: nuove offerte commerciali per aumenatre la base di
clienti prepagati, distribuzione più capillare, aumento dei negozi
Wind per fare conoscere il marchio, rafforzamento
tecnologico”

“Adesso siamo pronti ad entrare nella terza fase, quella dei
servizi ad alto valore – aggiunge il magnate egiziano -. E la
nostra rete di terza generazione ha ormai colmato il gap che aveva
verso Tim e Vodafone".

Per quanto riguarda la proposta dell’Agcom sulla creazione di una
società ad hoc per finanziare le reti di nuova generazione Sawiris
commenta così: “Mi sembra un pasticcio. Ci sono almeno due modi
più semplici per raggiungere l'obiettivo: primo distribuire le
risorse destinate alla nuova rete direttamente agli operatori.
Secondo, lasciare che se ne occupi Telecom Italia, assicurando ai
concorrenti l'accesso alla rete a un costo ragionevole".