Recovery Plan: 5,3 miliardi per banda ultralarga e 5G - CorCom

PRIMO PIANO

Recovery Plan: 5,3 miliardi per banda ultralarga e 5G

La strategia del Governo Draghi alle limature finali: 1 miliardo per la quinta generazione mobile e 970 milioni per le connessioni satellitari. 48 miliardi per il digitale: confermati gli incentivi per Transizione 4.0, spinta all’innovazione della PA. Salta il Cashback?

22 Apr 2021

5,3 miliardi per la banda ultralarga, di cui 1 miliardo per il 5G, 970 milioni per le tecnologie spaziali e la space economy: queste le risorse che il Governo Draghi si preparerebbe a stanziare nel capitolo “nuove reti” nell’ambito del Recovery plan e del Fondo complementare che fa capo alle risorse previste nello scostamento di Bilancio.

Stando alla bozza che sta circolando – datata 23 aprile, dunque il Piano che approda domani in Consiglio dei ministri (QUI IL DOCUMENTO) il Recovery Plan è ormai alle limature finali: il piano vale 221,5 miliardi di cui 138,5 per nuovi progetti e 53 per le coperture di opere in essere. Per il digitale sono previsti 42,55 miliardi di cui 38,25 per nuovi progetti. E al “pacchetto” si aggiungono 30 miliardi del fondo complementare che fanno capo alle risorse previste nello scostamento di Bilancio da destinare ai progetti non inseriti nel Recovery Plan. Nel Fondo complementare sono previsti ulteriori 6,13 miliardi per il digitale – che portano dunque a 48 miliardi il “budget” totale. Un miliardo di euro per il 5G e 400 milioni per portare la banda ultralarga nelle strade extraurbane. Sul fronte banda ultralarga le risorse sarebbero comprese fra i 4  e i 5,3 miliardi e 970 milioni sarebbero destinati alle tecnologie satellitari e alla space economy.

Stando alle indiscrezioni non sarebbe riconfermato il Cashback ma il Governo starebbe studiando altre misure per favorire i pagamenti digitali. Confermati invece gli incentivi per il piano Transizione 4.0 per 18,5 miliardi. Per l’innovazione della pubblica amministrazione sono previsti 6,14 miliardi e 1,27 andranno al capitolo “competenze”.

Banda ultralarga, 5G e space economy protagonisti a Telco per l’Italia 2021

È dedicata a fare il punto sull’infrastrutturazione Paese l’edizione 2021 di Telco per l’Italia: quattro gli appuntamenti da segnare in agenda in cui saranno approfondite le questioni chiave. PER LA REGISTRAZIONE E IL PROGRAMMA DEI SINGOLI EVENTI CLICCARE QUI

6 maggio 2021 ore 17.00 – “Telco first”: la ricetta per la banda ultralarga

I fondi pubblici e gli investimenti privati, il nuovo piano aree grigie, la spinta al fixed-wireless: la strada non è affatto in discesa, ma la sfida si può vincere. Co-investimento e partnership le chiavi di volta?

13 maggio ore 17.00 – Il 5G alla prova dei fatti, quanto vale partita italiana

La quinta generazione mobile una rivoluzione senza precedenti: dal manufacturing alla sanità, dai trasporti alla cultura, tutto è destinato a cambiare. Ma il cantiere Italia procede al ralenti: come accelerare?

20 maggio ore 17.00 – Space, submarine e indoor connectivity: la banda larghissima chiave di volta

Operatori satellitari, cable e tower company: i colossi della connettività sempre più protagonisti nell’era della Gigabit society con infrastrutture future proof e soluzioni di nuovissima generazione per spingere le potenzialità di fibra e 5G. Lo scenario è destinato a trasformarsi radicalmente

27 maggio ore 17.00 – Il paradigma “Telco-Cloud”: le alleanze rivoluzionano lo scenario

Sempre più forte la collaborazione fra i player: le telco avranno bisogno di trasformare le reti per erogare servizi all’avanguardia e sempre più “personalizzati”, gestire al meglio la sicurezza e monetizzare gli asset. E gli Ott da “nemici” si trasformano in partner

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4