Vodafone e Ast SpaceMobile lanciano la prima rete mobile spaziale - CorCom

ULTRABROADBAND

Vodafone e Ast SpaceMobile lanciano la prima rete mobile spaziale

Annunciata la nuova fase operativa di un progetto che culminerà nel 2023 con l’attivazione di un network che porterà il segnale 4G e 5G ovunque nei 49 maggiori Paesi delle regioni equatoriali, anche in mobilità all’interno di aree remote. Per collegarsi non serviranno telefoni satellitari

17 Dic 2020

Domenico Aliperto

Ast SpaceMobile, in collaborazione con Vodafone, ha annunciato i piani per il lancio della prima fase del suo servizio di comunicazioni mobili commerciali spaziali, che dovrebbe concretizzarsi nel 2023 e che dovrebbe garantire connettività ovunque anche senza l’uso di terminali satellitari. La società ha ottenuto i finanziamenti necessari per portare l’impresa alla fase del progetto che permetterà di coprire i 49 maggiori Paesi delle regioni equatoriali.

Un nuovo approccio alla connettività nelle aree rurali

Ast SpaceMobile sarà il primo servizio nel suo genere a connettere telefoni cellulari standard a velocità 4G e 5G utilizzando la propria rete spaziale brevettata. Oggi, si legge in una nota congiunta, più di cinque miliardi di abbonati mobili entrano ed escono costantemente dalla copertura wireless e la soluzione di Ast SpaceMobile colmerà queste lacune di segnale per consentire alle persone di rimanere in contatto mentre sono in movimento. Si tratta di una svolta significativa nell’ambito dei progetti che puntano a portare una connettività mobile a prezzi accessibili a oltre la metà della popolazione mondiale che non dispone di Internet sul proprio telefono. I tradizionali sistemi satellitari richiedono costosi telefoni satellitari specializzati o sistemi di antenne terrestri, un approccio completamente diverso rispetto a quello che offre la tecnologia brevettata di Ast SpaceMobile, dove tutto ciò che serve è il telefono in tasca.

WEBINAR
14 Dicembre 2021 - 11:00
Telco per l'Italia: come accelerare la trasformazione. Le opportunità di PNRR e Cloud
Manifatturiero/Produzione
Telco

La prima tranche dei piani di lancio di Ast SpaceMobile comporterà l’uso di 20 satelliti per offrire una connettività mobile senza interruzioni e a bassa latenza a cui possono accedere circa 1,6 miliardi di persone in una vasta regione geografica. Il servizio iniziale riguarderà un’area a nord e sud dell’equatore, comprese le aree rurali e remote di una serie di mercati in cui Vodafone integrerà la tecnologia nei servizi forniti dai suoi marchi Vodacom, Safaricom e Vodafone. Fatte salve le approvazioni normative in ogni mercato, queste includeranno Congo, Ghana Mozambico, Kenya e Tanzania. Ast SpaceMobile richiederà anche l’approvazione normativa per il lancio del servizio in India.

“Fornire una copertura mobile a prezzi accessibili per tutti richiede una miscela di tecnologie e infrastrutture, dai tradizionali alberi alle piccole celle, palloni e satelliti ai margini dello spazio”, dichiara Shameel Joosub, Ceo di Vodacom Group. “Mentre abbiamo aggiunto siti di reti rurali profonde per connettere comunità remote senza alcuna copertura, la mancanza di alimentazione in alcune aree crea ostacoli insormontabili. Ast SpaceMobile garantirà che le comunità remote in molti paesi dell’Africa subsahariana possano avere accesso ai più recenti servizi digitali”.

La strategia e il futuro di Ast SpaceMobile

Supportato da un ampio portafoglio di Ip e brevetti, Ast SpaceMobile consentirà il roaming globale senza interruzioni da e verso le reti cellulari terrestri, colmando le lacune di copertura mobile in tutto il mondo. Con l’accesso iniziale a 1,3 miliardi di abbonati da un gruppo delle più grandi società di comunicazioni wireless del mondo, i servizi di Ast SpaceMobile mireranno in ultima analisi a soddisfare le esigenze dei cinque miliardi di abbonati mobili che devono affrontare problemi di connettività a banda larga quando si spostano dentro e fuori dalla gamma cellulare terrestre e abilitano accesso alla mobilità a più della metà della popolazione mondiale che non ha accesso a Internet sul proprio telefono.

“Siamo entusiasti di andare avanti nell’esecuzione della prima fase del nostro lancio commerciale in collaborazione con Vodafone”, spiega Abel Avellan, Presidente e Amministratore delegato di Ast SpaceMobile. “La nostra piattaforma ad alta velocità e bassa latenza rappresenta la prima impresa al mondo volta a colmare in modo massiccio il divario digitale portando una connettività economica e accessibile alle regioni che ne hanno più bisogno. Crediamo che la nostra soluzione rivoluzionaria servirà a promuovere la connettività universale e globale, consentendo alle società di utilizzare la tecnologia digitale per ottenere un maggiore accesso alla conoscenza e alle informazioni”.

Al fine di supportare la fase uno del lancio commerciale della sua rete, Ast SpaceMobile si è assicurata fino a 462 milioni di dollari di proventi lordi in finanziamenti aggiuntivi. Ciò proverrà dagli investitori esistenti nella società, tra cui Vodafone, Rakuten e American Tower, nonché da nuovi investitori finanziari tra cui Ubs O’Connor e un’ampia base di istituzioni finanziarie. Ast SpaceMobile ha anche annunciato di aver stipulato un accordo di aggregazione aziendale con New Providence Acquisition, una società di acquisizione per scopi speciali quotata in borsa, assumendo che non ci siano riscatti degli azionisti pubblici esistenti di New Providence, incluso il collocamento privato sostenuto da partner strategici, investitori esistenti e un ampio base di istituzioni finanziarie. Alla chiusura della transazione, Ast SpaceMobile diventerà una società quotata in borsa e si prevede che le sue azioni ordinarie saranno quotate al Nasdaq con il simbolo “Asts”. Tutti gli azionisti di Ast SpaceMobile mantengono il 100% delle loro azioni nella società combinata. I proventi in contanti dovrebbero essere utilizzati per finanziare la prima fase del lancio commerciale delle risorse spaziali di Ast SpaceMobile.

@RIPRODUZIONE RISERVATA