Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Marche, insediato il tavolo Regione – Telecom Italia

Uno dei progetti pilota all’interno dell’annuario nazionale sul digital divide che Telecom Italia ha presentato lo scorso 15 luglio

29 Lug 2009

Nelle Marche i 20 Mb sono sempre più vicini. Si è insediato in
Regione, infatti, alla presenza dell'assessore ai sistemi
telematici e informativi, Gianluca Carrabs, il Comitato paritetico
per lo sviluppo delle infrastrutture a banda larga. Si tratta della
prima riunione operativa che segue la firma dell'accordo tra
Regione Marche e Telecom Italia, lo scorso 10 luglio, per superare
il digital divide, sottoscritto dal presidente della giunta Gian
Mario Spacca, e dal presidente di Telecom Italia Gabriele Galateri
di Genola.

L'organismo si articola in un livello strategico e uno
tecnico-operativo. Del Comitato, composto da rappresentanti della
Regione Marche e di Telecom Italia, fa parte anche Domenico Tudini,
presidente di Infratel Italia, la società che si occupa delle
attività di infrastrutturazione ottica in fase di programmazione e
di realizzazione.

L'accordo con la Regione Marche è uno dei progetti pilota
all'interno dell'annuario nazionale sul digital divide che
Telecom Italia ha presentato lo scorso 15 luglio.

“È un incontro molto importante – ha dichiarato Carrabs – che
avviene a sole due settimane dalla firma dell'accordo e che
quindi pone le basi per procedere con speditezza in vista della
piena attuazione del Piano telematico regionale”. L'accordo
intende consentire a un sempre maggior numero di cittadini, imprese
e istituzioni locali, l'accesso alle nuove tecnologie digitali
in larga banda e prevede la copertura del territorio con
collegamenti fino a 7 Mbits entro il 2010 e in seguito, entro il
2012, con collegamenti fino a 20 Mbits legati alla realizzazione
della nuova rete in fibra ottica. Il Comitato avrà il compito di
agevolare il raggiungimento degli obiettivi dell'accordo,
garantire la condivisione delle informazioni sulle reciproche
iniziative e verificare gli impegni assunti. “Si tratta – ha
evidenziato Carrabs – di un accordo che pone le Marche in primo
piano sulla scena nazionale per l'impegno volto al superamento
del digital divide”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link