Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

INNOVAZIONE

Ologrammi, made in Italy la prima piattaforma al mondo di videochiamata

Ai nastri di partenza “Telepresenza olografica”, il progetto del Cnr con la società Quintetto. In campo una “speciale” cabina telefonica in grado di riprodurre fedelmente la presenza “umana” a distanza

22 Mag 2014

L.M.

Da oggi è possibile contattare una persona situata in un luogo qualsiasi del mondo usando una semplice connessione Internet, incontrarla, parlare e scambiare con lei documenti come se si fosse seduti allo stesso tavolo, l’uno di fronte all’altro. Il merito è del gruppo di ricerca italiano guidato dall‘Istituto Nazionale di Ottica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ino-Cnr) e della società Quintetto di Pont Saint Martin. Il progetto, chiamato ‘Telepresenza olografica’, è realizzato grazie al contributo della Regione Valle D’Aosta e sarà presentato oggi in conferenza stampa.

In pratica sarà possibile telefonare in 3D è possibile grazie a una sorta di cabina telefonica, realizzata a basso costo e che visualizza davanti a chi chiama la ‘proiezione’ 3D dell’interlocutore utilizzando una semplice connessione internet.

“L’elemento focale è rappresentato da un’immagine bidimensionale inserita in un contesto tridimensionale studiato ad hoc che genera una sensazione di tridimensionalità; la persona ha quindi la percezione di essere realmente seduta di fronte ad un intelocutore reale e non ad una sua rappresentazione” afferma Luca Mercatelli. Una parte importante del progetto, infatti, ha riguardato proprio lo studio delle caratteristiche dell’ambiente, delle dinamiche di visione e del sistema audio.

Gli scenari aperti da questa nuova tecnologia toccano diversi campi tutti però accumunati da un unico punto: un’esperienza il più possibile reale. Le applicazioni pratiche possono spaziare dal settore bancario a quello commerciale o turistico, medico o della pubblica amministrazione.

“I sistemi olografici sono già noti nel mondo degli eventi teatrali – sostiene Giovanni Iamonte di Quintetto Srl, direttore scientifico del progetto – tuttavia la loro diffusione è ancora molto limitata a causa dei costi elevati. Per la prima volta, con il nostro sistema di Telepresenza Olografica è possibile riprodurre in modalità live, in un ambiente naturale, una rappresentazione fra due soggetti a distanza molto realistica, che garantisce elevati livelli di interazione; il tutto a costi sostenibili e sfruttando le normale capacità di trasmissione Internet offerta dagli operatori di mercato”.