Tariffe a 28 giorni, Posteraro (Agcom): "Multe più salate per gli operatori"

REGOLE

Attualmente le compagnie rischiano sanzioni fino un milione e 600mila euro. Il commissario Agcom: "Non è in discussione la facoltà delle telco di aumentare i prezzi, ma si deve evitare che i consumatori procedano al buio"

di A.S.

"Non è sufficiente una semplice comunicazione attraverso la fattura. Il consumatore verifica per davvero quanto spende se ha di fronte a sé un parametro temporale consolidato: il mese, non certo le quattro settimane. Gli stipendi e le pensioni vengono pagati ogni mese, non ogni 28 giorni". Lo dice a Repubblica.it Francesco Posteraro, commissario Agcom, intervenendo sul dibattito nato dalla decisione dei principali operatori di telecomunicazioni di fatturare ai propri clienti ogni 28 giorni e non più a scadenze mensili. Una vicenda sulla quale pende in Parlamento una proposta di legge della deputata Pd Alessia Morani, che propone di tornale alla fatturazione mensile, di rafforzare i poteri di controllo dell’authority, che avrebbe la facoltà di chiedere alle telco la restituzione di quanto percepito indebitamente, e di consentire alle aziende la modifica unilaterale dei contratti soltanto in presenza di motivi giustificati.

Il commissario Agcom sarebbe favorevole a sanzioni più severe rispetto al milione e 600mia euro che gli operatori rischiano di pagare oggi, dal momento che un intervento non tempestivo sottoporrebbe il settore a un “rischio contagio”.

“Non è in discussione la facoltà delle compagnie telefoniche di aumentare i prezzi - spiega Posteraro - L’intervento del Garante, dunque, non mira a contrastare la manovra tariffaria in sé. Vuole assicurare che i consumatori siano informati in modo trasparente. In altri termini, liberi gli operatori di aumentare i prezzi, a condizione però che gli utenti ne siano pienamente consapevoli".

"Ci sarebbe poi da chiedersi - insiste Posteraro - come mai gli operatori abbiano imboccato la strada indiretta della variazione temporale della fatturazione, che li ha costretti tra l’altro a sostenere spese importanti per adeguare i sistemi informatici, piuttosto che procedere direttamente - e in maniera palese - all’aumento delle tariffe".

"Evidentemente si aspettano guadagni più ampi dalla manovra indiretta, proprio perché gli utenti hanno una scarsa percezione dei suoi effetti concreti - conclude il commissario Agcom - Ma la missione del Garante è esattamente questa: evitare che i consumatori procedano al buio, senza la consapevolezza delle variazioni contrattuali".

©RIPRODUZIONE RISERVATA 19 Ottobre 2017

TAG: Francesco Posteraro, Agcom, tariffe a 28 giorni, telco, Garante, Authority

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store