Google, Schmidt: “Tasse, rispettiamo la legge"

FISCO

Il presidente replica alle accuse. “Sfruttiamo gli incentivi messi a disposizione dai governi. Tutto questo si chiama capitalismo”

di L.M.

“Si chiama capitalismo”: così Eric Schmidt, presidente di Google, ha liquidato, in un’intervista a Bloomberg, le recenti accuse piovute da più parti sul “re” dei motori di ricerca per i suoi comportamenti in materia fiscale.

Rispondendo indirettamente ai governi di Francia, Gran Bretagna, Regno Unito, Australia e Italia, secondo i quali Google evita di pagare le tasse nazionali dichiarando i ricavi in Paesi dove l'imposizione fiscale è più favorevole, Schmidt ha ribadito: “Paghiamo molte tasse e nei modi prescritti dalla legge. Personalmente sono molto fiero della struttura che abbiamo messo in piedi. Lo abbiamo fatto basandoci sugli incentivi che i governi ci hanno offerto per operare. Questo si chiama capitalismo – ha sottolineato – e noi siamo orgogliosamente capitalisti. Sono profondamente convinto di questo”.

Solo due giorni fa è stata diffusa la notizia che Google ha evitato di pagare nel 2011 circa 2 miliardi di dollari di tasse sul reddito aziendale trasferendo fatturato per 9,8 miliardi di dollari a una società di comodo alle Bermuda.

Sempre nella stessa intervista a Bloomberg, il presidente si è detto convinto che “la guerra tra Android (sistema operativo per dispositivi mobili di Google) e iOs, di Apple, si è conclusa con la vittoria” del suo gruppo. E ha paragonato il duello Google-Apple a quello tra “Microsoft e la Mela di 20 anni prima”. La crescente domanda di smartphone che girano su Android sta effettivamente contribuendo all'affermazione di Google a scapito dei competitors.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 12 Dicembre 2012

TAG: Eric Schmidt, Google, Bloomberg, iOS, Apple, Android

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store