Mobile, ecco la top ten delle tecnologie 2010

TREND

Dal Bluetooth di nuova generazione alla banda larga passando per Gps e apps platform: Gartner stila il decalogo delle innovazioni protagoniste del biennio 2010-2011. Nick Jones: "Incideranno su tutte le strategie aziendali"

di Patrizia Licata
Le dieci tecnologie mobili che conosceranno un’evoluzione significativa fino a tutto il 2011 e incideranno nel breve termine sulle strategie dell’industria: le ha individuate la società di ricerche Gartner, che discuterà dei futuri trend del wireless in occasione del summit Wireless, networking & communications del 19-21 aprile, a San Diego. Gli analisti ritengono che gli investimenti in applicazioni e tecnologie mobili cresceranno fino a tutto il 2011 man mano che le aziende usciranno dalla crisi economica e faranno ripartire la spesa mobile sia sul lato B2E (business-to-employee) che su quello B2C (business-to-consumer).

"Tutte le aziende dovrebbero avere le antenne puntate su queste 10 tecnologie mobili perché la loro evoluzione inciderà sulle strategie aziendali”, dichiara Nick Jones, vice president e analista della Gartner. "Un numero significativo di consumatori o di dipendenti le adotterà o comunque si aspetterà che siano disponibili. Sono tecnologie che potranno rispondere alle sfide principali che le aziende dovranno affrontare di qui a tutto il 2011”.

Innanzitutto, occhi aperti sul Bluetooth: le due nuove versioni (3 e 4) usciranno entro il 2011. Bluetooth 3 userà l’802.11 per una trasmissione dati ancora più veloce, mentre il Bluetooth 4 introdurrà una nuova modalità low-energy (LE) che permetterà la comunicazione con periferiche e sensori esterni. Entrambe le versioni includeranno aggiornamenti che migliorano la vita della batteria e la sicurezza. Secondo gli esperti della Gartner, Bluetooth 3 faciliterà tutte le attività, sia a livello consumer che corporate, che richiedono grande ampiezza di banda (come il download di immagini e video dai cellulari). Il Bluetooth LE abiliterà invece nuove funzioni basate sui sensori per aziende di settori come la sanità e il controllo ambientale.

Il web mobile è un’altra tecnologia da seguire con attenzione: entro il 2011, più dell’85% dei cellulari venduti in tutto il mondo includerà qualche tipo di browser. Sui mercati maturi, come l’Europa occidentale e il Giappone, circa il 60% dei cellulari distribuiti dai produttori sarà costituito da smartphone con sofisticate capacità di navigazione Internet. La crescita degli smartphone con schermi relativamente grandi e ad alta risoluzione spingerà sempre più utenti ad accedere ai siti Internet sui device mobili, dando nuovo stimolo alle applicazioni B2C. Per la Gartner, sui mercati maturi, il mobile web sarà la tecnologia leader per le applicazioni B2C mobili fino a tutto il 2012.

Importanti anche i widget mobili. I widget sono applicazioni web installabili che usano tecnologie come JavaScript e Html. Sono supportati da molti cellulari. Nonostante la mancanza di standard, i widget rappresentano un sistema immediato per offrire applicazioni, in particolare quelle che hanno a che fare con l’aggiornamento di dati in tempo reale (meteo, notifica email, blog, informazioni) e, nota la Gartner, permettono di misurare la domanda di una determinata applicazione su una specifica piattaforma.

Strumenti di sviluppo delle applicazioni mobili indipendenti dalla piattaforma. Il consolidamento delle piattaforme mobili non avverrà prima del 2012 e in alcuni mercati potranno convivere cinque o più piattaforme diverse. Di conseguenza, diventeranno molto ricercati gli strumenti che facilitano l’operazione di portare applicazioni mobili su piattaforme disparate. Questi strumenti di sviluppo delle applicazioni indipendenti dalla piattaforma offrono un equivalente molto comodo al codice nativo: si scrive una volta sola e funziona dappertutto. Si riduce così il costo di produrre e supportare applicazioni multi-piattaforma.

Altro trend da non sottovalutare: gli App Store. I negozi di applicazioni saranno il principale (e, in alcuni casi, l’unico) modo per distribuire applicazioni agli smartphone e ad altri device mobili. Gli App store offrono anche una serie di funzionalità a sostegno del business, specialmente utili per le piccole aziende. Secondo la Gartner i negozi di applicazioni avranno un ruolo nelle strategie B2C e B2E delle aziende: per esempio, saranno un canale di distribuzione per le applicazioni mobili e un canale commerciale per vendere applicazioni e contenuti.

Più importanza agli strumenti di localizzazione. Entro la fine del 2011, più del 75% dei device venduti sui mercati maturi includerà un Gps. Il Gps sarà il mezzo principale, anche se non l’unico, per stabilire la posizione del cellulare. Dove il Gps non può funzionare, saranno importanti il Wi-fi e i sistemi Id. Anche le applicazioni per la localizzazione daranno stimolo a nuove applicazioni B2E e B2C, ma le aziende dovranno stare attente alle questioni della privacy, regolate in modo diverso nei diversi Paesi.

Broadband mobile. Nel corso del 2010 e del 2011, le reti mobili miglioreranno la loro performance e il wireless broadband ultra-veloce sarà sempre più diffuso. Ciò aumenterà di pari passo la gamma di applicazioni che possono essere rese direttamente disponibili su cellulare e non richiedono più la linea fissa. Il networking cellulare embedded diventerà una caratteristica standard per molti computer portatili aziendali e abiliterà una serie di altri device come e-book e media player.

Touchscreen. I touchscreen stanno emergendo come l’interfaccia utente dominante per i cellulari con schermo grande e saranno in oltre il 60% dei device mobili distribuiti in Europa occidentale e Nord America nel 2011. Le aziende dovranno sfruttare le nuove tecnologie, come l’haptics, per creare una user experience unica e differenziarsi dalla concorrenza.

M2M. Molti fornitori di servizi di rete hanno ampliato il loro impegno nel settore del machine to machine (M2M) nel 2009, per cui la Gartner ritiene che diverse opzioni di servizi M2M, sia a livello nazionale che multinazionle, saranno disponibili sui mercati maturi quest’anno e nel prossimo. Il mercato dell’M2M è molto frammentato ma cresce a un ritmo di oltre il 30% l’anno. Tra le applicazioni chiave ci sono le smart grid, la sicurezza/sorveglianza, il monitoraggio da remoto, le tecnologie presso il punto vendita.

Sicurezza indipendente dal device. Si tratta di una serie di tecnologie per la sicurezza che permettono di offrire applicazioni che sono protette ma meno strettamente legate a specifici device o a specifiche piattaforme e che, in molti casi, non richiedono di installare sul client strumenti di security. La Gartner cita come esempi le architetture thin-client, le applications as a service (Asp), forme di controllo degli accessi alla rete (Nac) indipendenti dalla piattaforna, virtualizzazione, servizi di sicurezza hosted. Non garantiscono il rigore della sicurezza tradizionale, ma un mix di tali strumenti può permettere di fornire applicazioni che girano su device diversi e riducono di molto i rischi.

24 Marzo 2010