Il Cineca lancia un bando per il supergrid

PROGETTI

Il consorzio interuniversitario mette a disposizione dei ricercatori italiani 13 milioni di ore di calcolo sul computer più potente in Italia: l'Ibm P575 Power

di Enzo Lima
Si è aperta all'inizio di settembre la seconda "call for proposals" Iscra (Italian SuperComputing Resource Allocation). I ricercatori sono chiamati a sottoporre al Cineca, il consorzio interuniversitario che raccoglie 43 atenei italiani, i propri progetti di ricerca per l'assegnazione delle risorse di calcolo.

Il sistema di calcolo la cui produzione è allocata in base all’iniziativa Iscra è il più potente in Italia: il sistema Ibm P575 Power 6 (SP6), oltre 5000 core Power 6, potenza di picco oltre 100 TeraFlop/s. Il bando si chiuderà il 18 ottobre. La selezione dei progetti sarà gestita da un comitato scientifico tramite processo di “peer review”, in base a contenuti e meriti scientifici, come avviene nei maggiori paesi europei e negli Stati Uniti.

Oggi il sistema di supercalcolo del Cineca è pienamente inserito nel contesto delle infrastrutture per la ricerca Comunitaria: a tale proposito il Consorzio ha ricevuto esplicita delega dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca a rappresentare l'Italia nell'ambito dell'azione Prace per l'implementazione di una infrastruttura di supercalcolo per la ricerca di livello Europeo, in grado di competere a livello mondiale.

Da questo punto di vista, il ruolo del Cineca, per mandato statutario e per delega Ministeriale, ha completamente assunto una valenza nazionale: l'introduzione in Italia di un modello di allocazione basato su 'scientific peer review' delle richieste di risorse di calcolo rappresenta la naturale evoluzione verso una dimensione europea e internazionale della ricerca italiana.

Tutte le informazioni sul bando, sulle caratteristiche dei progetti eleggibili, su termini e modalità di partecipazione sono disponibili sul sito Iscra (http://iscra.cineca.it).

09 Settembre 2010