Servizi segreti, D'Alema: "Servono esperti in cyber security"

COPASIR

Il presidente del Copasir: "Necessario razionalizzare la spesa e svecchiare il personale puntando su nuove tecnologie e informatica"

Razionalizzare la spesa, svecchiare il personale e acquisire nuove competenze sulla cyber security. Questi per Massimo D'Alema, presidente del Copasir, i capisaldi per il rinnovamento dei servizi segreti, emersi durante l'audizione a Palazzo San Macuto alla presenza del premier Mario Monti. D'Alema, presidente del comitato, ha spiegato che "è certamente necessario razionalizzare anche la spesa per i servizi segreti. Questo è un compito - ha sottolineato - che si pone in tutti i campi della Pubblica amministrazione'. 

"Uno dei compiti più importanti nell'attuazione della riforma - ha sottolineato D'Alema - è quello di un rinnovamento anche nel quadro delle risorse umane, in particolare sotto il profilo dell'acquisizione di particolari professionalità e competenze. Penso in particolare al settore economico e finanziario - ha proseguito il presidente del Copasir-  alle nuove tecnologie, all'informatica nel campo della cyber security. Quindi da questo punto di vista - ha rimarcato D'Alema - bisogna portare sicuramente avanti quel processo di ricambio e rinnovamento senza per questo voler svalorizzare il patrimonio umano esistente".

"E' però evidente - ha concluso il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica - che i nuovi compiti richiedono nuove professionalità e anche una leva più giovane, che deve essere via via acquisita nel quadro delle compatibilità finanziarie. E questa è un'esigenza che non potremo trascurare".

©RIPRODUZIONE RISERVATA 22 Febbraio 2012

TAG: copasir, servizi segreti, massimo d'alema, cyber security

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store