Agenzia digitale, Golfo: "Serve una donna alla guida"

L'AUSPICIO

La presidente della Fondazione Bellisario: "Ancor prima di qualsiasi innovazione tecnologica è una maggiore presenza di donne ai vertici la vera rivoluzione"

di F.Me.

"Auspico che il Governo dia un forte segnale politico al Paese scegliendo una donna per la nomina del Direttore dell'Agenzia Digitale", così Lella Golfo, parlamentare e presidente della Fondazione Bellisario. "I ministri competenti - prosegue Golfo - avranno davanti a loro diversi curricula di uomini ma, cercando bene, troveranno anche significativi profili di donne competenti, preparate e indipendenti rispetto ai grandi gruppi industriali. Professionalità, imparzialità e visione sono i tre cardini su cui deve poggiare la scelta se davvero vogliamo che l'economia digitale nel nostro Paese si sviluppi in maniera forte e decisa. Infrastrutture e sicurezza; eCommerce; eGovernment, Open Data, Alfabetizzazi one Informatica, Ricerca e Innovazione, Smart Cities and Communities sono assi strategici per lo sviluppo e l'Agenzia dovrà trasformarli in fattori di modernizzazione trainanti per la crescita".

"È un ruolo e un compito fondamentale in cui mi auguro le donne possano essere in prima linea. Ancor prima di qualsiasi innovazione tecnologica - conclude Golfo - è una maggiore presenza di donne ai vertici la vera rivoluzione. Iniziamo da lì e sono certa che una donna alla guida dell'Agenzia per l'Italia Digitale saprà dare un contributo determinante e un input propulsivo a un processo d'innovazione non più rinviabile".

©RIPRODUZIONE RISERVATA 23 Ottobre 2012

TAG: agenzia italia digitale, lella golfo, fondazione bellisario

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store