Galileo, a settembre in orbita due satelliti

IL GPS EUROPEO

L'annuncio del commissario europeo Antonio Tajani: "Un lancio che stimolerà l'innovazione. Le Pmi si mettano all'opera per produrre prodotti e servizi ad hoc"

di F.Me.

"Un lancio che stimolerà l'innovazione". Con queste parole Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, ha annunciato la messa in orbita dei due satelliti di Galileo il prossimo 28 settembre.

“Galileo comincia a dare frutti, procede secondo i tempi previsti e nei margini del bilancio concordato - sottolinea Tajani - Invito le imprese europee,  in particolare le Pmi, a mettersi all’opera, a innovare e ad approntare i loro prodotti per quando, nel 2014, Galileo sarà pienamente funzionante. L’industria europea dovrà essere pronta a entrare in un mercato assai vasto che non chiede altro che di essere occupato. Proprio ciò di cui abbiamo bisogno oggi, data la situazione economica attuale”.

L’annuncio fatto oggi è frutto di un accordo con l’Agenzia spaziale europea. Lo sviluppo del sistema sta procedendo secondo i piani e nel 2013 dovrebbero essere effettuati ulteriori lanci. Tutti i satelliti sono lanciati dalla Guyana francese, dove si trova il poligono spaziale europeo.

Gli investimenti europei nelle tecnologie di navigazione via satellite aprono il mercato mondiale a tutta l’industria europea. Si tratta di un mercato attualmente stimato a 125 miliardi di euro che, secondo le previsioni, arriverà a 250 miliardi di euro entro il 2020. Grazie a Galileo potranno essere realizzate applicazioni in molti settori dell’economia europea, dalle reti elettriche alla gestione delle flotte, dal  settore finanziario ai trasporti, o ancora dalle operazioni di salvataggio alle missioni di pace.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 02 Maggio 2012

TAG: galileo, antonio tajani

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store