In Italia a quota 200 le sale cinematografiche digitali

OPEN SKY

Obiettivo raggiunto e superato: il passaggio alla nuova era del cinema digitale è ormai avvenuto e Open Sky esce definitivamente dalla fase sperimentale per entrare in quella operativa commerciale. Ad un anno dal progetto pilota “100 sale in rete”, avviato dalla Direzione Cinema del Ministero dei Beni Culturali con la collaborazione di Open Sky e Eutelsat, il target prefissato è stato abbondantemente oltrepassato. Ad oggi Open Sky è il gestore di un network che va verso le 200 sale cinematografiche digitali in tutta Italia e le circa 500 in Europa.

L'offerta mette i Digital Cinema in grado di usufruire della ricezione satellitare Open Sky per la proiezione dei contenuti Dcp (Digital Cinema Package) HD e 3D, ma anche di eventi Live e Live 3D. A ciò si aggiunge un innovativo centro di assistenza dedicato: l'Help Desk di Open Sky “parla la tua lingua” offre infatti supporto continuo agli operatori prima e durante l'evento per assicurarne il corretto svolgimento. Il dialogo costante con gli esercenti e l'impegno organizzativo sono, assieme al know-how tecnologico, i punti di forza di Open Sky. Per questo il pacchetto “chiavi in mano”, per i gestori dei Digital Cinema, significa anche un corso di formazione specifico per la piattaforma Eutelsat- Open Sky.

I 500 multiplex europei sono in grado di ricevere e trasmettere eventi ad alta definizione attraverso il ricevitore satellitare dedicato, controllato e pilotato a distanza dal centro di controllo (Noc) di Open Sky a Vicenza. Le sale sono provviste di un proiettore digitale collegato con una rete dati al decoder Open Sky. Una volta ricevuto il Dcp, è possibile trasferirlo dal decoder al server/proiettore in pochi minuti e quindi preparare la sala alla proiezione. Il Dcp è trasmesso simultaneamente a tutti i cinema dal teleporto di Vicenza che effettua l’uplink mediante un'antenna dedicata.

La trasmissione avviene ad alta velocità (fino 77Mbps) e permette alle sale di ricevere il Dcp in poche ore. Ogni postazione accoglie il film, lo registra nel server e, ottenuta la chiave di accesso, lo proietta ad altissima qualità grazie allo standard Dci (Digital Cinema Initiative). Il Noc Open Sky è in grado di controllare in tempo reale lo stato di salute dell'impianto satellitare e la qualità della trasmissione, ma anche di assistere gli operatori nella configurazione del proiettore.



Un sistema collaudato a tal punto che le dirette via satellite di Open Sky e la trasmissione dei DCP, grazie alla qualità dell'immagine, all’affidabilità e sicurezza della trasmissione, hanno sempre conquistato l'entusiasmo di pubblico e esercenti. Da “Shrek 4” a “Cattivissimo Me”, da “Ritorno al Futuro Remastered” a “Il Regno di Ga'Hoole”, da “Harry Potter 7” a “Rapunzel” fino a prossimi “Tron” e “L'Orso Yoghi”, la lista dei film HD 2D e 3D distribuiti via satellite è sempre più lunga.



E sempre più ricco e costellato di successi è il calendario Live Entertainment e Live 3d Entertainment che ha portato nel mondo del digitale sport, musica e spettacolo: la prima partita di Rugby in 3D italiana, trasmessa in 30 cinema della catena The Space; le partite della World Cup 2010, sempre in 3D; il concerto di Francesco Renga, trasmesso in 24 sale; la trasmissione in diretta del Don Pasquale di Donizetti in 60 cinema Nexo; la proiezione in diretta via satellite del film “Il mondo di Patty” in 115 sale.



L'ultima frontiera è in definitiva stata raggiunta: Open Sky ed Eutelsat integrano a tutti gli effetti la trasformazione del cinema. Dopo il passaggio da pellicola a digitale e 3D, è infatti con il satellite che viene perfezionato il processo di digitalizzazione, fornendo nuovi strumenti sia ai content provider che agli esercenti. L’impatto del satellite è duplice: commerciale e operativo. Dal punto di vista commerciale il satellite porta nuovi contenuti (ad esempio i Live) ma anche la possibilità di una multiprogrammazione della sala grazie alla capacità di avere più facilmente i DCP dei film. Dal punto di vista operativo il digitale permette invece una migliore gestione dei contenti in sala: più veloce, snella, sicura e quindi più economica.



Open Sky, con Eutelsat, è stata la prima in Europa a portare la grande innovazione del Live3D già con il primo evento nel 2009 in Francia e successivamente con l’intera edizione dei mondiali di calcio. Ma è con la trasmissione dei film via satellite (DCP Digital Cinema Package) che Open Sky completa la propria offerta satellitare fornendo un servizio veloce, affidabile, sicuro e, non per ultimo, ecologico, visto che non è richiesta la movimentazione e creazione di alcuna copia fisica.



Sono sempre di più i cinema attrezzati da Open Sky con la tecnologia satellitare che vedono la propria offerta cambiare grazie ai Live, ma soprattutto che si ritrovano con operatività e costi di esercizio ottimizzati per merito del digitale via satellite. E sono in crescita anche i distributori che completano il passaggio al digitale usufruendo della trasmissione satellitare per un invio capillare, sicuro e con un processo di distribuzione end-to-end garantito e certificato. Open Sky significa viaggiare in sicurezza nello spazio digitale.

30 Novembre 2010