Sirti, si rompe la trattativa fra azienda e sindacati

LA VERTENZA

Cgil, Cisl e Uil annunciano uno sciopero generale per il 24 maggio. Non è stato raggiunto l'accordo sui contratti di solidarietà. "Comportamento inaccettabile"

di F.Me.

“Nella serata di mercoledì 16 maggio, a Milano, la Sirti ha rotto la trattativa con le organizzazioni sindacali e con il coordinamento nazionale Rsu in corso in Assolombarda; ciò dopo due giorni di confronto per valutare l'applicazione dello strumento dei contratti di solidarietà". Lo annuncia una nota congiunta di Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil.

“L'azienda, pur avendo tolto la pregiudiziale sull'utilizzo dei contratti di solidarietà - continua la nota - facendo così un passo in avanti, non ha permesso il prosieguo del confronto rimettendo strumentalmente sul tavolo, come oggetto di scambio, la riduzione dei trattamenti economici in essere, facendo cosi fare alla trattativa due passi indietro.” L'azienda si è resa disponibile a valutare i contratti di solidarietà su una platea di soli 1.100 lavoratori impiegati nelle attività legate alla divisione Tlc, escludendo Manutenzione e Apparati; ciò in virtù di una serie di difficoltà tecnico-organizzative.

“Riguardo alle divisioni Trasporti e Infrastrutture, e per lo Staff - la Sirti ha ribadito che l'unico ammortizzatore sociale da utilizzare è la Cassa integrazione guadagni straordinaria, senza fornire alcuna garanzia di rotazione e integrazione salariale, come richiesto unitariamente dal Sindacato”.

“Riteniamo grave e inaccettabile la chiusura da parte di una direzione aziendale che appare più impegnata nel gioco dell'oca che in una vera trattativa sindacale. Una scelta, questa, che testimonia una scarsa volontà sia al confronto che alla costruzione di un’ipotesi di accordo che renda meno complicato il dover gestire l’attuale momento della società”.

“Le organizzazioni sindacali hanno ricercato fino all’ultimo la possibilità di costruire un percorso che, appunto, possa portare a raggiungere una soluzione condivisa. Fim, Fiom, Uilm hanno più volte ribadito piena disponibilità all'avvio, in qualsiasi momento, di un confronto serio, finalizzato ad un'intesa che, salvaguardando l'occupazione, possa rilanciare Sirti.”

“Per queste ragioni, è assolutamente necessario che la direzione Sirti riveda la propria rigida posizione - conclude la nota - A fronte della rottura del tavolo, il Coordinamento nazionale Sirti e le segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm hanno svolto un’assemblea davanti alla sede di Milano dell’Azienda, così come in tutto il territorio nazionale, promuovendo la dichiarazione dello sciopero generale di tutta la Sirti con manifestazione nazionale a Milano, davanti alla sede aziendale, per il prossimo 24 maggio.”

©RIPRODUZIONE RISERVATA 17 Maggio 2012

TAG: sirti, vertenza, sindacati

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store