France Telecom- Deutsche Telekom: nessuna fusione ma i sindacati chiedono incontro

MERCATI

La telco francese ha messo ufficialmente a tacere le voci circolate dopo l'aumento della quota di partecipazione tedesca salita a oltre il 5%. "Pronti a collaborare laddove il mercato lo richieda". Il modello? Quello di Orange-T-Mobile in Uk

di Enzo Lima
Nessuna fusione con Deutsche Telekom. France Telecom ha liquidato le speculazioni alimentate dall’incremento della quota di partecipazione nella società francese da parte dei tedeschi.
Lunedì scorso l'Autorità francese dei mercati aveva comunicato che la partecipazione di Deutsche Telekom nella società telefonica, di cui lo stato francese controlla il 13,5%, era salita oltre la soglia del 5%.
All’annuncio dell’Authority ha fatto seguito la reazione del sindacato francese Cfe-Cgc/Unsa che ha descritto la variazione come "un profondo cambiamento nell'attuale equilibrio dell'azionariato" aggiungendo che si trattava, forse, di un "preludio a operazioni di consolidamento in grado di mutare l'assetto delle telecomunicazioni in Europa” e chiedendo, per questo motivo, un incontro straordinario coni vertici dell’azienda.
Oggi dunque la secca smentita di France Telecom. L’operatore ha ricordato che con DT ci potrebbero essere solo collaborazioni su specifici progetti, laddove il mercato lo richiedesse. Un esempio? La fusione delle attività mobili di Orange e T-Mobile in Gran Bretagna che ha portato alla creazione di un colosso delle Tlc che vanta oltre il 37% della quota di mercato nazionale.

07 Settembre 2010