Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL TAKEOVER

Dell compra Emc, nasce la più grande IT company del mondo

L’operazione da 67 miliardi di dollari si concluderà entro febbraio 2016. Si tratta di un’acquisizione record nel settore tecnologico. Saranno i vertici di Dell a guidare la newco

12 Ott 2015

A.S.

Un affare da circa 67 miliardi di dollari. E’ questa la cifra che Dell si è impegnata a pagare per l’acquisizione di Emc, che sarà effettuata da Dell, insieme con i suoi proprietari, Michael Dell, fondatore, presidente e chief executive officer, e Msd Partners e Silver Lake. La transazione dovrebbe chiudersi nel secondo o nel terzo trimestre dell’anno fiscale di Dell che si concluderà il Febbraio 2016. Nasce così la più grande società privata di tecnologia integrata al mondo.

Saranno i vertici di Dell a guidare la nuova società. Il ceo e chairman di Emc, Joe Tucci, manterrà le cariche fino alla chiusura dell’operazione. Il quartier generale di Dell rimarrà a Round Rock, in Texas, mentre quello dove verranno sviluppati i nuovi business nati dall’acquisizione sarà a Hopkinton, nel Massachusetts, sede attuale di Emc.

Grazie a questo accordo da record, Dell potrà offrire ad aziende e professionisti non solo l’hardware, ma anche servizi di storage fisico, cloud e sicurezza. Emc, infatti, sviluppa infrastrutture per questi settori oltre a quelli di business intelligence e virtualizzazione. Quest’ultimo fa parte dei servizi offerti dall’azienda di Hopkinton dal 2004, anno in cui è stata comprata Vmware, società leader nel mercato della virtualizzazione sia in
ambito professionale sia consumer.

La notizia del takeover aveva iniziato a circolare con insistenza nei giorni scorsi, quando la notizia dei colloqui già avviati tra le due aziende era stata pubblicata da Business Insider, che aveva prospettato un deal che avrebbe superato i 50 miliardi di dollari.

Articolo 1 di 3