Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Wikipedia, un ‘tuffo’ nei video per diventare multimediale

Entro tre mesi gli utenti potranno associare contenuti video accanto alle definizioni inserite

22 Giu 2009

Wikipedia apre alla multimedialità. Entro tre mesi
l’enciclopedia online darà agli utenti la possibilità di
inserire contenuti video a corredo delle definizioni. A riportarlo
Technology Review, la prestigiosa rivista del Mit di Boston.
“Entro due o tre mesi – precisa la rivista – chiunque debba
inserire un a nuova voce alla nota enciclopedia online troverà
nell’interfaccia un nuovo bottone con l’indicazione ‘Add
media’, attraverso cui accedere a un’apposita videoteca online
con tre repository contenenti materiale multimediale di libero
utilizzo”.

Le tre fonti utilizzabili saranno Internet Archive (con 200mila
video, documentari, interviste), Wikimedia Commons (con quattro
milioni di contenuti del database della Wikimedia Foundation) e
Metavid (che contiene le registrazioni di discorsi e audizioni del
Congresso americano). I video da caricare dovranno essere in
formato open source.

I contenuti video verranno inseriti tramite la piattaforma
sviluppata per Wikipedia dalla start up Kaltura, così come
previsto dall’accorso siglato dalle due società lo scorso anno.
La soluzione di video open source per il video management, creata
da Kaltura, permette di integrare tutte le funzionalità avanzate
ed interattive del rich-media, come la ricerca, l’upload,
l’importazione, l’editing, l’annotazione, il rimix e la
condivisione di materiale fotografico, video, e suono.
Il nuovo servizio è stato pensato da Wikimedia Foundation con
l’obiettivo di convincere, nel lungo periodo, le media company
e i titolari di diritti d’autore a rilasciare in forma di
pubblico dominio i contenuti oggi protetti da copyright.