Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IMPEGNO SOCIALE

Fondazione Telecom Italia, Giuseppe Recchi è il nuovo presidente

È stato scelto oggi dal cda riunito per il rinnovo delle cariche. Marcella Logli confermata segretario generale

17 Lug 2014

L.M.

Giuseppe Recchi è il nuovo presidente della Fondazione Telecom Italia. È stato designato dal consiglio di amministrazione della Fondazione che si è riunito oggi per il rinnovo delle cariche sociali.

Il nuovo consiglio è composto da Alberto Mingardi (nominato vicepresidente), Marco Boglione, Luca Josi, Marco Patuano (amministratore delegato di Telecom Italia), Piergiorgio Peluso (Chief Financial Officer di Telecom Italia) e Simona Signoracci. Marcella Logli è stata confermata nella carica di segretario generale della Fondazione.

Fondazione Telecom Italia fotografa l’impegno sociale del Gruppo Telecom Italia.

Il 16 aprile scorso Giuseppe Recchi è stato eletto nuovo presidente di Telecom Italia. L’elezione da parte dell’assemblea dei soci è arrivata dopo oltre 11 ore di riunione. Alla fine Recchi è risultato l’unico candidato alla presidenza per l’esclusione di Vito Gamberale dal nuovo cda della compagnia. Recchi è stato votato dal 97,92% dei presenti.

Nato a Torino nel 1964, Giuseppe Recchi, appena laureato in Ingegneria al Politecnico del capoluogo piemontese, inizia la carriera nel 1989, muovendo i primi passi nella gestione dell’azienda di famiglia, l’Impresa Recchi Costruzioni Generali, attiva nelle grandi infrastrutture pubbliche.

Il gruppo, che già allora opera in 25 Paesi, lo porta a sbarcare negli Stati Uniti dove, nel ’94 diventa presidente esecutivo della Recchi America, filiale statunitense del gruppo. Ricopre questo incarico fino al 1999 quando fa il grande salto in General Electric, società in cui ricopre numerosi incarichi, sia negli Stati Uniti che in Europa.

A 35 anni dunque Recchi è già un manager esperto che, dopo essersi fatto le ossa negli Usa, torna nel Vecchio Continente: nel corso del tempo, sempre in Ge, ricopre diversi incarichi fino a diventare prima presidente di Ge Italia, e poi presidente e ad di Ge South Europe fino a maggio 2011, quando arriva la consacrazione in Eni di cui diventa presidente. Quindi la storia recente, con la candidatura al vertice di Telecom da parte della holding di controllo Telco e l’elezione a presidente nell’assemblea del 16 aprile.

Articolo 1 di 5