Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

I BOND

Tim, emissione obbligazionaria a 6 anni per 1 miliardo di euro

La società completa il rifinanziamento dei prestiti obbligazionari in scadenza nel 2019 con una cedola significativamente al di sotto del costo medio del debito

10 Apr 2019

Tim ha concluso con successo il lancio di un’emissione obbligazionaria a tasso fisso per euro 1 miliardo destinata ad investitori istituzionali.

Il rendimento dell’emissione, pari a 2,875%, risulta ampiamente inferiore al costo medio del debito del Gruppo, che a fine dicembre 2018 si attestava a ca. 4,4%.

L’emissione si inserisce nel processo di ottimizzazione e rifinanziamento del debito in scadenza.

Il collocamento del nuovo bond è avvenuto il giorno successivo alla decisione degli analisti di Fitch di declassare il rating sulla società italiana. Gli esperti hanno tagliato il rating sulle azioni Telecom Italia dal precedente BBB- a BB+. La compagnia non ha dunque sentito l’effetto del taglio, ma anzi ha tirato dritto con l’emissione di nuovi bond che hanno avuto un buon riscontro da parte degli investitori istituazionali.

Il prezzo delle azioni Tim nel corso dell’ultimo mese ha segnato su Borsa Italiana un ribasso del 3,66%. La performance su base annua, invece, è stata negativa per il 37%. Ad impattare sull’andamento delle quotazioni è stato, soprattutto, il braccio di ferro tra i due principali azionisti: i francesi d Vivendi e il fondo americano Elliott.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bond
T
TIM

Articolo 1 di 5