Cybersecurity, ecco la strategia italiana

IL CONVEGNO CORCOM-FPA

Al convegno Fpa-Corcom riflettori puntati sulla strategia-Paese e sulle novità di mercato. Parola d'ordine: cooperazione. Pubblico e privato devono allearsi per spingere l'execution e garantire uno "scudo" forte ai sistemi informatici

di Patrizia Licata

Consapevolezza dei rischi, atteggiamento proattivo che valorizzi la prevenzione accanto alla soluzione, execution efficace e veloce delle strategie e collaborazione tra player pubblici e privati: potremmo sintetizzare così i messaggi chiave emersi dal Cyber Security 360 Summit, l'evento che si è svolto oggi a Roma, alla Camera dei deputati, promosso da Digital360 e in particolare dalla nostra testata, Corcom, e da Fpa (organizzatori di Forumpa), col supporto di Accenture, Almaviva, BT, Business-e, Check Point, Cisco.

"La superficie di attacco oggi è molto aumentata: la cyber-sicurezza ha un impatto pervasivo, perché i prodotti e i servizi digitali sono ovunque. Occorre in primo luogo un'adeguata conoscenza dei rischi e disponibilità di competenze", ha osservato Gabriele Faggioli, Presidente del Clusit e Associate Partner di Partners4Innovation, aprendo i lavori con i dati aggiornati del rapporto Clusit. Faggioli ha sottolineato la necessità di chiudere il gap tra percezione del rischio e rischio effettivo: ci sono tanti strati della popolazione (soprattutto i Millennials) non attenti alle cyber minacce. I dati di febbraio 2016 del Clusit portano in evidenza l'aumento di attacchi su infrastrutture critiche e cloud: "Non è un no al cloud, anzi", ha chiarito Faggioli; "ma occorre porre attenzione a distribuire e gestire il rischio". Il report Clusit evidenzia ancora l'aumento di attacchi (andati a buon fine o no) ai settori health e finance e, ovviamente, al mondo governativo e militare, bersaglio preferito degli hacker. Un dato però è incoraggiante: nel primo semestre 2016 l'Europa segna per la prima volta un rallentamento del tasso di attacchi.

L’Italia è chiamata ora ad accelerare sulla sua strategia nazionale per la cyber security  dalla  direttiva europea NIS (Network and Information Security) approvata a luglio per la sicurezza delle reti e dell’informazione, che definisce un primo insieme univoco di norme in materia di cyber security a livello europeo. Su questo punto Faggioli è chiaro: "Bene la normativa Ue, ma ribadisco che è fondamentale l'approccio culturale; norme e sanzioni non sono l'elemento primario - anzi, direi che abbiamo troppe norme sui dati personali e troppo poche su altri settori della cyber-sicurezza: la normativa è un po' squilibrata verso la difesa della privacy".

Il quadro normativo ha costituito il centro della prima tavola rotonda, moderata da Alessandro Longo, Direttore Responsabile, Forumpa.it; Vincenza Bruno Bossio, Membro dell’Intergruppo parlamentare Innovazione, Camera dei Deputati, ha ribadito che "non è solo la norma a generare l'attenzione sulla cyber-sicurezza - anzi, l'Italia ha cominciato già da qualche anno a occuparsi del tema ma l'attenzione è rimasta finora bassa e anche in Europa si è arrivati relativamente tardi alle direttive sulla cyber security". Oggi con il NIS le norme si mettono al passo "e cercano di superare la frammentarietà e di incentivare la collaborazione pubblico-privato". Certo, Italia e Europa si trovano a dover rincorrere, e intanto i rischi sono aumentati; per questo la strategia digitale del governo cerca di essere veloce, per affrontare temi come Industria 4.0, Spid e identità digitale, e digital by default per la PA. "In Italia è importante anche che ci sia un solo Cert nazionale: questa è la prima condizione per dare coerenza al network italiano ed europeo della cyber-sicurezza e al mercato unico digitale europeo e per dare forza a nostri rapporti globali", ha concluso la Bruno Bossio.

Sulla direttiva NIS, Roberto Di Legami, Capo della Polizia Postale, intervenuto all'interno della Tavola rotonda dedicata a "I principali Protagonisti dell'architettura nazionale per la sicurezza informatica" (moderata da Carlo Mochi Sismondi, Presidente, FPA), ha tenuto a precisare che "l'Italia non è impreparata e non è all'anno zero: il paese si è già dotato di un'architettura. Il  legislatore italiano è stato pioniere nell'occuparsi della tutela delle infrastrutture critiche, sia fisiche che elettroniche, e affidarla alla Polizia di Stato". Il NIS ora è importante perché in Italia porta all'istituzione dell'autorità nazionale per la cyber security che fa da raccordo per l'intero sistema, anche se andrà definito meglio come i vari elementi si metteranno in relazione tra loro, secondo Di Legami. "Il Cert nazionale può essere ottimizzato con nuove risorse umane e tecnologiche e il nucleo per la sicurezza cyber potrebbe fare da sintesi tra i vari interlocutori e le varie funzioni, ottimizzando la capacità operativa", ha detto il Capo della Polizia Postale, dando il pieno avallo a un potenziamento delle attività di prevenzione e un sì convinto al mandatory reporting che "fa emergere il sommerso e serve a migliorare l'attività di prevenzione".

Uno degli temi chiave che entrano nella macro categoria della cyber security è quello della fiducia degli utenti nel mondo digitale, il cosiddetto trust. Lo ha sottolineato Paolo Dal Cin, Managing Director, Security Lead per Italia, Europa Centrale e Grecia, Accenture: il NIS aiuterà anche a questo riguardo perché per ora, secondo dati Ue, solo il 22% dei consumatori digitali online si fida a comprare online. Le cyber minacce sono un grave ostacolo allo sviluppo di una prospera economia digitale; uno studio del World Economic Forum afferma che il cyber risk è tra i massimi cinque rischi enterprise al mondo e l'impatto stimato è di 3.000 miliardi di dollari nel 2020. Anche Accenture ha di recente condotto una ricerca internazionale sulla cyber security: il paradosso è che il 70% delle aziende si dice consapevole e 3 top manager su 4 si ritengono pronti a rispondere agli attacchi, ma la realtà è che un attacco ogni tre alle aziende va a buon fine: "L'economia digitale oggi non è sicura, l'ecosistema deve essere più efficiente, molte aziende non si accorgono degli attacchi se non dopo mesi, si pensa più alla compliance che alla sicurezza, non si fa abbastanza per accrescere la consapevolezza e creare competenze". La ricetta di Dal Cin per l'Italia? "Fare sistema: le aziende con gli enti pubblici", ma non solo: "lavorare su una federazione di Cert nazionali, anche di settore, come per banche o Tlc, e fare innovazione e investire in cyber difesa, track intelligence, capability di security, analytics.

Dopo le Tavole rotonde su "Le risposte concrete del mercato" moderate da Mila Fiordalisi, Caporedattore, CorCom, la conclusione dei lavori è stata affidata a Roberto Baldoni, Direttore del Centro di Ricerca di Cyber Intelligence e Information Security, Sapienza Università di Roma: "Il NIS ci dà una chiave di lettura, e sicuramente gli organismi internazionali, dall'Ue alla Nato sono acceleratori per il nostro modello di sviluppo su cyber sicurezza, ma dobbiamo anche fare i compiti a casa e avere il nostro progetto e la nostra vision", ha detto Baldoni. "Il mondo economico una volta era separato dal cyber space, e l'IT e il business in azienda non si parlavano: oggi non può più essere così". Sono le rivoluzioni cloud, mobile e, più di recente, IoT, Industria 4.0, Blockchain, robotica, a imporci un veloce cambio di marcia: "Nel futuro possiamo prevedere che l'Italia diventi una piattaforma digitale integrata nell'Ue dove l'investitore troverà una serie di servizi per fare business in modo sicuro: tutte le nazioni avanzate investono in questa direzione perché cyber security means business, ovvero proteggere la sicurezza delle infrastrutture vuol dire proteggere la prosperità economica". Aderire al NIS e ai suoi vincoli, dunque, è fondamentale, "ma non possiamo accontentarci, dobbiamo fare di più: l'ICT è un abilitatore ma non l'unico settore coinvolto, occorre mettere in piedi un vero ecosistema cyber per proteggere infrastrutture e paese; PA, industria e accademia devono contribuire a una risposta non più isolata ma coordinata", ha affermato Baldoni, ricordando che per l'Italia sarà fondamentale non disperdere le risorse economiche e sviluppare la capacità di trattenere anche le risorse umane: "Senza human capabilities ci si porta il nemico dentro casa: non è un caso che Uk o Francia facciano grossi investimenti quinquennali e non si fermeranno qui, perché la cyber-sicurezza richiede una strategia continuativa. Il mondo si dividerà presto tra chi fa le tecnologie e chi le usa soltanto: cerchiamo di fare in modo che l'Italia rientri nel primo gruppo, puntando con forza su ricerca e sviluppo e start up".

Al Cyber Security 360 Summit di oggi sono intervenuti anche: Antonio Samaritani, Direttore, Agenzia Digitale per l’Italia (vedi articolo separato); Rocco Panetta, Equity Partner NCTM Law Firm and Legal Advisor Italian Government on Internet; Andrea Rigoni - Partner di Intellium – Deloitte; Andrea Servida, Head of Unit "eGovernment and Trust", DG CONNECT, European Commission; Ruggiero Di Biase, Direttore del IV Reparto Coordinamento dei Programmi di Armamento - Segretariato generale della Difesa/Direzione nazionale degli armamenti; Rita Forsi, Direttore Istituto Superiore delle Comunicazioni e delle Tecnologie dell’Informazione, Ministero dello Sviluppo Economico; Gianfranco Incarnato, Vice Direttore Generale e Vicario del DG/Direttore Centrale per la sicurezza, il disarmo e la non proliferazione, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale; Francesco Paolo Schiavo, Capo della Direzione dei sistemi informativi e dell’innovazione del MEF; Mario Terranova, Dirigente Responsabile Area “Sistemi, tecnologie e sicurezza informatica”, Agenzia Digitale per l’Italia; Romolo Buonfiglio, Responsabile Cyber Security Practice, Almaviva; Andrea Costa, Responsabile Business, Marketing Infrastructure Solutions, TIM; Simone Posti, Security Account Manager - Center–South Italy, Cisco Systems; Rosario Sorrentino, Head of BT Security Business Italy; David Gubiani, Security Engineering Manager Italy, Check Point Software Technologies; Loredana Mancini, Chief Operating Officer, Business-e; Gastone Nencini, Country Manager, Trend Micro Italia; Rodolfo Rotondo, Business Solutions Strategist, VMware.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA 21 Novembre 2016

TAG: Cyber Security 360 Summit, Digital360, Corcom, Fpa, Forumpa, Accenture, Almaviva, BT, Business-e, Check Point, Cisco, cyber-sicurezza, Gabriele Faggioli, Clusit, Partners4Innovation, Millennials, cloud, NIS, Network and Information Security, privacy, Vincenza Bruno Bossio, sicurezza, Industria 4.0, Spid, Cert, Roberto Di Legami, Polizia Postale, Polizia di Stato, Paolo Dal Cin, trust, World Economic Forum, Roberto Baldoni, Centro di Ricerca di Cyber Intelligence e Information Security, mobile, IoT, Blockchain, start up, Rocco Panetta, Andrea Rigoni, Andrea Servida, Ruggiero Di Biase, Rita Forsi, Gianfranco Incarnato, Francesco Paolo Schiavo, Mario Terranova, Romolo Buonfiglio, Andrea Costa, Simone Posti, Rosario Sorrentino, David Gubiani, Loredana Mancini, Gastone Nencini, Rodolfo Rotondo

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store