Forum S@lute, così l'innovazione farà nascere una Sanità "a Km zero"

L'EVENTO

Carlo Mochi Sismondi: "Oggi innovare in questo settore vuol dire prima di tutto portare i servizi dove sono i cittadini, sfruttando tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie"

di A.S.

“Oggi innovare in sanità vuol dire prima di tutto portare i servizi dove sono i cittadini, creare una ‘Sanità a Km zero’ sfruttando tutte le opportunità offerte dalle nuove tecnologie per ridisegnare servizi e processi, rispondendo alle nuove richieste di assistenza e cura, usando meglio le risorse per fare di più con meno”. Lo afferma Carlo Mochi Sismondi, presidente di Fpa, preentando la terza edizione di S@lute, il forum dell’innovazione per la salute promosso da Fpa e Allea, con la collaborazione di Paolo Colli Franzone nel ruolo di advisor scientifico dell’area Digital. L’evento, che sarà aperto dall’Intervento del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, si terrà il 20 e 21 settembre a Roma, presso il Centro Congressi Roma eventi. Pensato come spazio laico di confronto tra istituzioni, imprese, università e opinion leader, S@lute intende raccontare il sistema italiano della sanità come organismo in transizione verso nuovi scenari di innovazione possibile, sostenibile, misurabile e governata.

“Tante sono le storie di successo che conosceremo a Roma durante S@lute2017 – sottolinea Mochi Sismondi - tutte ci insegnano che il percorso di innovazione deve essere un sapiente mix di tecnologia, organizzazione, partecipazione; che è necessario mettere insieme la volontà politica, l’empowerment delle organizzazioni, il coinvolgimento dei cittadini, il collegamento col mondo della ricerca, l’apertura alle novità che arrivano dal mercato. Le tecnologie mettono a disposizione un’enorme quantità di dati, è necessario imparare a usarli per prendere decisioni, per valutare le scelte fatte, per prevedere i cambiamenti in atto. A S@lute2017 vedremo come farlo, con quali strumenti, con quali partnership”.

Il programma prevede tre i focus strategici: ricerca e innovazione nella cura e nel prendersi cura (biotecnologie, terapie personalizzate, avanzate e malattie rare, vaccini, medicina di precisione e di genere, industria 4.0, smart factory e smat working, open innovation), digitalizzazione (governance, centralità del dato, big data, privacy, sicurezza, Sharing Clinical Data, servizi online, canali “Social”, IoT), e welfare e sicurezza sociale (welfare aziendale, tutele integrative, fondi e tutele assicurative per i professionisti).

S@lute può contare sul patrocinio del Ministero della Salute e della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome. Main partner dell’iniziativa sono EY, Msd e Teva, e I partner sono @-Circle, Dedagroup, Innowatio, Istituto Prosperius, Novartis, Vodafone e Wolters Kluwer. Hanno concesso il patrocinio scientifico Aica, Aiic, Assinform, Aiop, Assogenerici, Cittadinanzattiva, Confindustria Digitale, Federfarma, Federsanità Anci, Fiaso, Fism, Ipasv e Italia Longeva.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e aperti al pubblico. È già possibile consultare il programma presso il sito www.innovazioneperlasalute.it, che ospiterà i progressivi aggiornamenti di relatori e panel di discussione. La piattaforma consente anche di registrarsi ai singoli appuntamenti. Anticipazioni e notizie sulla manifestazione sono, inoltre, disponibili sui profili Facebook (@ForumInnovaSalute) e Twitter (@Innova_Salute; #Salute2017).

©RIPRODUZIONE RISERVATA 13 Settembre 2017

TAG: S@lute, e-health, Fpa, Carlo Mochi Sismondi, Betrice Loenzin, sanità

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store