Telit, turbo sui ricavi. Ora si punta all'espansione

INTERNET DELLE COSE

L'azienda attiva nel m2m chiude il primo semestre 2010 con un +60% nei ricavi a 59 milioni di dollari e punta a eventuali acquisizioni. In cantiere una piattaforma per l'offerta di prodotti con connessione integrata

Tempo di crescita per l’Internet delle cose e le aziende che lo sostengono. E’ il caso di Telit, società di Trieste che nel primo semestre 2010 mette a segno un +60% nei ricavi a 59 milioni di dollari mentre la perdita di quasi 3 milioni del 2009 si è trasformata in un utile netto di 1,4 milioni.

L’azienda, attiva nel m2m, dovrebbe chiudere l’anno con 130 milioni di dollari di ricavi. “Se si immagina il mondo del futuro - ha detto il ceo Oozi Cats a Milano Finanza - non esisterà alcun oggetto che non sia connesso”. Con 18 sedi in tutto il mondo, terzo operatore mondiale del settore, ora Telit punta a consolidare la crescita con una politica di acquisizioni. Il focus dell’azienda è lo sviluppo dei servizi di connettività, in particolare con un progetto che prevede lo sviluppo di una piattaforma per l’offerta di prodotti già connessi grazie a sim di connettività.

09 Settembre 2010