Poco Web nell'Est Europa. Ma vince il social networking

TREND

Ungheria, Polonia e Romania le aree a maggior diffusione di siti sociali e Web-entertainment nonostante i bassi livelli di penetrazione

di Davide Lombardi
Europa dell’Est leader nell’entertainment e nel social networking, nonostante il basso livello di diffusione di Internet. Il dato emerge da Mcdc (Marketers & Consumers, Digital & Conncted), ricerca che fotografa l’utilizzo del Web condotta da InSites Consulting in partnership con Iab Europe. La ricerca prende in considerazione 32mila utenti in 16 mercati.

Ai primi posti come penetrazione di Internet troviamo i Paesi del Nord Europa, Paesi Bassi in testa con una penetrazione dell’85%. A quota 80% circa anche Norvegia, Svezia e Danimarca, mentre l’Italia supera di poco il 50% ed è avanti solo a Spagna, Grecia e Paesi dell’Est. Chiudono la classifica Grecia e Paesi dell'Est (Ungheria, Polonia e Romania), con Grecia, Ungheria e Polonia intorno al 40%, mentre fanalino di coda è la Romania, ferma al 32%.

A sorpresa è l’Europa dell’Est la zona più attiva nel Web entertainment e nel social networking. Il 49% degli intervistati in Ungheria, Polonia e Romania guarda la tv o altri video sul Web, contro una media europea del 33%; il 44% ascolta programmi radio in tempo reale, contro una media europea del 30%; il 31% scarica musica contro una media europea del 17%; e il 27% gioca o scommette online contro una media europea del 20%. Nell’ultimo mese il 59% dei cybernauti dell’Est ha aggiornato o visualizzato un profilo in un social network, su una media europea del 52%: se Europa del Nord e mediterranea hanno percentuali vicine al 59% dei paesi orientali, l'Europa occidentale è quella meno Facebook-maniaca, con una percentuale del 48%.

In totale, l’attività più gettonata sul Web è l’utilizzo di un motore di ricerca (93%). Seguono le e-mail (89%), le news (79%, con l’Italia che guida la classifica in questo settore grazie al 92% di cybernauti che leggono notizie), la ricerca di prodotti e servizi (74%), l’online banking (52%), le mappe (45%), e i servizi di chat e instant messaging (43%).

01 Marzo 2010