Libro vs iPad uno a zero Nielsen: si legge più in fretta

E-READER

Uno studio mette a confronto iPad, Kindle 2, pc e carta stampata. E, a sorpresa, rivela che la lettura su carta è la più veloce

di Nicolò Salvatore
Leggere sull’iPad della Apple o sul Kindle 2 di Amazon, può risultare una scelta non troppo conveniente. E non solo per una questione di prezzo. Jakob Nielsen, della Nielsen Company - nessun intreccio con l’albero genealogico del dottore – ha dimostrato, con uno studio condotto su un campione di 24 assidui lettori, che le librerie dovrebbero essere preferibili ai negozi di elettronica.

Il gruppo di lettori si è cimentato su alcuni racconti brevi di Ernest Hemingway, letti su quattro piattaforme differenti: oltre ai già citati iPad, Kindle 2, anche il pc e il buon vecchio libro. Risultato: sulla carta si legge più velocemente.

La lettura attraverso ciascuno degli schermi digitali è durata in media 17 minuti e 20. Anche la comprensione dei brani è risultata unitaria. Ma il vecchio modello di lettura vince su tutti gli altri. Gustarsi un libro su iPad è risultato più lento del 6,2% rispetto alla versione cartacea. Ancora più lenta (del 10,7%) la lettura con un Kindle 2.

In ogni caso le velocità di lettura dei due dispositivi non sono significative, dice Nielsen, al punto tale da determinare una scelta di acquisto a favore dell’uno o dell’altro.

Lo studio rileva anche il livello di gradimento dei vari strumenti inserito in una scala da 1 a 7. L’iPad, il Kindle 2 e il libro stampato si sono attestati rispettivamente a 5,8, 5,7 e 5,6, mentre il pc si è fermato a un misero punteggio di 3,6. Il differente gradimento è dovuto al fatto che i 24 lettori preferiscono i più maneggevoli e-book rispetto a postazioni fisse come il pc e ai libri su carta.

Nonostante l’esperimento sia stato condotto su piccola scala i risultati sono comunque indicativi di quanto sta succedendo sul mercato degli e-reader. La vendita degli e-book è cresciuta del 176,6% nel 2009 rispetto al 2008, rastrellando 313 milioni di dollari. Rispetto al 2009 si è verificata una crescita del 217,3%, secondo le stime della Association of American Publishers.

06 Luglio 2010