Giù le tariffe di roaming: disco verde dall'Europarlamento

IL NUOVO LISTINO

Strasburgo dà il via libera al nuovo listino: dal 1° luglio 2012 tetto massimo di 70 cent per Mb e per le chiamate in uscita non si potranno superare i 29 cent al minuto

di F.Me.

Dal primo luglio saranno tagliati i costi delle chiamate e al traffico dati in roaming. Lo ha approvato la plenaria del Parlamento europeo a larghissima maggioranza (578 sì, 10 no, 10 astenuti). Le nuove regole estendono i prezzi massimi comunitari per le telefonate transfrontaliere, già in vigore dal 2007, anche ai servizi di dati quali la posta elettronica e la navigazione in rete e saranno inoltre ridotti ulteriormente i costi delle chiamate vocali.

Il tetto massimo per il traffico dati non dovrà superare - a partire dal 1° luglio 2012 - i 70 centesimi a megabyte, e sarà successivamente portato gradualmente a 45 centesimi nel 2013 e a 20 centesimi il 1° luglio 2014. Attualmente, non esiste un limite alle tariffe che gli operatori possono applicare ai servizi di dati mobili.

Le nuove tariffe al dettaglio per le chiamate vocali ridurranno il costo delle chiamate in uscita a 29 centesimi al minuto dal 1° luglio 2012 e a 19 centesimi dal luglio 2014, contro l'attuale soglia massima di 30 centesimi. Anche gli Sms saranno meno cari, scendendo dall'attuale massimo di 11 centesimi a 9 centesimi il 1° luglio di quest'anno e a 6 centesimi il 1° luglio 2014.

Inoltre, dal 1° luglio 2014, i clienti avranno la possibilità di acquistare separatamente da operatori diversi, se lo desiderano, i propri servizi nazionali e i propri servizi roaming, mantenendo lo stesso numero di telefono. Non dovranno pagare per cambiare di fornitore, e i fornitori nazionali avranno l'obbligo di informarli di questo diritto.

"Dal punto di vista del consumatore i tagli dei prezzi sono una grande notizia, soprattutto sul versante dati, protagonisti di forti riduzioni nei prossimi due anni – commenta Mark Newman, chief research officer di Informa Telecoms & Media - Ma è meno chiaro se ciò porterà allo sbarco sul mercato di nuove imprese che forniscono  servizi di roaming".
"Il roaming è un business estremamente complesso – puntualizza -  e non ci sarà bisogno di nuovi investimenti in reti di telefonia mobile per permettere a nuovi player di fornire servizi di roaming. Il costo degli aggiornamenti di rete e i meccanismi attraverso i quali sarà consentito ai nuovi attori di entrare sul mercato sono ancora da concordare ".

Informa Telecoms & Media ritiene che i produttori di smartphone e gli sviluppatori di piattaforme, come Apple e Google, potrebbero essere tentati di entrare nel mercato una volta che le nuove regole entreranno in vigore in luglio 2014, quando sarà consentito ai consumatori di acquistare servizi di roaming nazionale da operatori diversi, pur mantenendo lo stesso numero.

©RIPRODUZIONE RISERVATA 10 Maggio 2012

TAG: roaming, europa, parlamento, listino

SCARICA L'APP PER IL TUO
SMARTPHONE O TABLET
App Store App Store