Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Accordo definitivo per l’acquisizione di Trust Digital

26 Mag 2010

McAfee annuncia di aver siglato l'accordo definitivo per
acquisire la società a capitale privato Trust Digital. Trust
Digital è uno dei principali fornitori tecnologici per la gestione
della mobilità aziendale e software di sicurezza rivolto alle
aziende Global 2000, le cui soluzioni sono implementate presso un
crescente numero di aziende per fornire dati mission critical al
punto di fruizione utilizzando Apple iPhones e iPad. McAfee prevede
che la solida posizione di Trust Digital nel mercato della
sicurezza mobile amplierà il mercato degli endpoint di McAfee,
rivolgendosi a un’ampia gamma di sistemi operativi mobile tra cui
iPhone OS, Android, Web OS, Windows Mobile e Symbian.

A completamento di questa proposta di acquisizione, McAfee prevede
di associare la soluzione per la gestione della mobilità
enterprise di Trust Digital con le funzionalità di protezione
degli endpoint di McAfee per rendere disponibile la prima soluzione
completa per la sicurezza mobile. I clienti trarranno beneficio
dalle funzioni di gestione e reporting centralizzate delle
tecnologie integrate attraverso la console McAfee ePolicy
Orchestrator.

“L’acquisizione delle avanzate soluzioni di gestione della
mobilità aziendale di Trust Digital amplieranno l’attuale
portafoglio di sicurezza McAfee oltre l’endpoint tradizionale,
rivolgendosi al mercato della protezione mobile in rapida
crescita”, sottolinea Dave DeWalt, presidente e chief executive
officer di McAfee. “Una volta completata, la combinazione delle
avanzate soluzioni di gestione della mobilità aziendale di Trust
Digital con le tecnologie antivirus, antispyware, prevenzione delle
intrusion su host, auditing delle policy e firewall di McAfee,
consentiranno a McAfee di rivolgersi alla forza lavoro mobile
mitigando i rischi associati ad applicazioni mobile vulnerabili o
malevoli scaricate dai dipendenti”.