Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'INIZIATIVA

Agenda digitale Ue, “Grande coalizione” per il lavoro

Il 4 e 5 marzo il commissario Neelie Kroes presenterà la strategia paneuropea per rilanciare l’occupazione. In campo anche i big player del settore. Focus su certificazione delle competenze, scuola e buoni lavoro

18 Feb 2013

Federica Meta

Una Grande coalizione per il lavoro e la formazione Ict. La lancerà il commissario Ue per l’Agenda digitale, Neelie Kroes, in occasione della conferenza sul tema che si terrà a Bruxelles il prossimo 4-5 marzo, durante la quale la Ue spingerà per realizzare un partenariato forte con i player privati. In questi mesi la commissione si è impegnata rafforzare la collaborazione con l’industria sui temi centrali della formazione, della certificazione delle competenze, del miglioramento della scuola e dell’università e per la creazione di un ambiente favorevole agli imprenditori start up. Una particolare attenzione sarà data all’inclusione delle donne e dei giovani troppo spesso “dissuasi” ad operare nel settore Ict.
Kroes aveva annunciato questo impegno al World Economic Forum di Davos che si è tenuto in Svizzera il 24 gennaio; in quell’occasione il commissario aveva iniziato i colloqui con l’industria per ottenere impegni concreti di sostegno all’azione della commissione.

A Bruxelles verrà presentata una tabella di marcia con le azioni su lavoro e formazione che dovranno essere attuate a breve termine. La commissione Ue può già contare sulla collaborazione di aziende dal calibro Nokia, Telefónica, Sap, Cisco, Hewlett-Packard, Alcatel-Lucent e Randstad che si sono impegnate a organizzare stage, occasioni di formazione e avviamento a lavoro.

Secondo EurActiv, sempre in occasione della conferenza belga, Sap annuncerà il prolugamento della sua iniziativa Academy Cube, l’iniziativa che si propone di creare opportunità professionali per i giovani europei e di offrire loro programmi di formazione adeguati per facilitarne l’assunzione nella società tedesca. Sap si impegnerà a lavorare con la commissione perché il suo programma di training professionale faccia da base per una iniziativa paneuropea. A fornire supporto strategico alla commissione, oltre ai privati, scenderanno in campo anche il Council of European Professional Informatics Societies e Digital Europe, la federazione europea dell’Ict. L’obiettivo è quello di creare una piattaforma unica di programmi a sostegno dell’imprenditorialità innovativa.

La Grande coalizione fa parte del pacchetto per l’occupazione che la Ue sta mettendo a punto con l’obiettivo di capitalizzare le strategie esistenti, a cominciare dall’Agenda digitale europea. Per evitare che la Grande coalizione si traduca con un nulla di fatto, Bruxelles intende estendere sul scala europea alcuni strumenti che vengono già utilizzati con successo in Germania e Spagna. Si tratta dei “buoni di formazione” che in quei paesi hanno dato ottimi risultati: su 20mila partecipanti il 60-70% hanno trovato lavoro.

La Commissione intende inoltre facilitare la mobilità per i disoccupati e standardizzare la certificazione delle competenze tramite un quadro di eCompetence disponibile in tutte le 23 lingue ufficiali della Ue.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agenda digitale
D
digital europe
N
neelie kroes