Air Force Usa mette in cybersicurezza l'arsenale nucleare - CorCom

DIFESA

Air Force Usa mette in cybersicurezza l’arsenale nucleare

L’aviazione militare statunitense a caccia di partner privati per proteggere i sistemi IT. L’attuale livello di sicurezza è ottimale, ma le sfide legate al crimine informatico richiedono più attenzione e investimenti

14 Nov 2016

Andrea Frollà

Investire sulla cybersecurity per mettere in sicurezza i sistemi informatici delle armi nucleari del Paese. È l’ultima sfide dell’Air Force americana, che punta alla collaborazione con il settore privato per realizzare reti più sicure. Gli ingegneri dell’aviazione militare a stelle e strisce, riporta National Interest, ritengono che lo stato di protezione delle reti informatiche sia ottimale, ma che ci sia comunque la necessità di ampliarne il campo di applicazione, ponendo maggiore attenzione alla dimensione IT delle apparecchiature di comando e di controllo dell’arsenale nucleare.

“L’Information technology che riguarda i sistemi d’arma deve essere sicura e aggiornata da un punto di vista cibernetico – spiega Peter Kim, chief information security officer dell’Aeronautica Usa in un’intervista a Scout Warrior. La necessità di aggiornare i sistemi informatici delle armi nucleari è stata ulteriormente sottolineata in uno studio preannunciato dallo Scientific Advisory Board dell’Air Force, che dovrebbe essere rilasciato nel 2017. “L’odierna dipendenza dai sistemi informatici non era presente quando sono stati messi in campo i sistemi nucleari esistenti, né erano presenti le minacce informatiche presenti oggi”, si legge nell’anteprima del documento.

WHITEPAPER
Quali sono stati i casi di cybercrime più aggressivi degli ultimi anni? Scoprilo nel white paper
Cybersecurity

La modernizzazione delle reti informatiche dell’arsenale nucleare sarebbe parte integrante dell’attuale piano di costruzione di 400 nuovi missili balistici Inter-Continental. L’Air Force starebbe ora valutando le proposte del settore per costruire i nuovi missili, tra cui quelle arrivate da Northrop Grumman, Boeing e Lockheed Martin. L’anteprima dello studio suggerisce, inoltre, come la sicurezza delle armi nucleari possa essere più facilmente raggiunta grazie all’attuale digitalizzazione dell’ambiente.

Gli sforzi dell’Air Force, che comprendono sia un potenziamento della crittografia della posta elettronica sia un rafforzamento della protezione dai virus informatici, si inseriscono all’interno della Defense Innovation Unit Experimental, parte del più ampio Dipartimento della Difesa.