Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Alleanza fra banche e Viminale. Giro di vite contro il cybercrime

Siglato un accordo triennale fra Polizia postale e Abi per rafforzare la strategia di contrasto alla pirateria informatica nel settore dei pagamenti online 

13 Dic 2010

Polizia postale e Abi insieme contro il cybercrime. Il capo della
Polizia – direttore generale della pubblica sicurezza, Antonio
Manganelli – e il direttore generale dell'Abi, Giovanni
Sabatini, hanno sottoscritto oggi, presso il Dipartimento della
Pubblica Sicurezza, una convenzione per incrementare
l'efficacia delle attività di prevenzione e repressione dei
crimini informatici. L'obiettivo è rendere più sicuri i
servizi di home banking e gli strumenti di pagamento
elettronico.

L'accordo triennale rafforza il rapporto di collaborazione tra
banche e Polizia contro i crimini informatici nel settore dei
servizi bancari online e dei mezzi di pagamento elettronico
riconducibile ad organizzazioni criminali sempre più strutturate e
transnazionali sia per origine che per campo d'azione.

La convenzione si pone l'obiettivo di sviluppare procedure di
collaborazione che consentano di attuare la migliore difesa della
clientela dei servizi e dei sistemi bancari e finanziari, mettendo
anzitutto a fattore comune, in tempo reale, ogni dato o
informazione utile a prevenire e reprimere, con maggiori
tempestività ed efficacia, i fenomeni delittuosi in argomento.

Attraverso il contatto diretto e costante tra la Polizia postale e
la Centrale d'allarme per attacchi informatici del Consorzio
Abi Lab, si procederà inoltre alla qualificazione standardizzata
degli eventi e all'immediata attuazione delle azioni difensive.