Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Annunciata la nuova versione di Avamar

26 Apr 2011

Emc Corporation, leader mondiale nelle soluzioni e tecnologie per
la gestione delle informazioni, ha presentato Emc Avamar 6.0, nuova
e più potente versione del software di backup e deduplicazione.
Questa nuova release offre la prima integrazione con i sistemi di
deduplicazione storage Emc Data Domain e nuove potenti
funzionalità per la protezione degli ambienti VMware.

Unendo la semplicità e l’efficienza di Avamar con la
scalabilità e le performance di Data Domain, i clienti ottengono
la flessibilità necessaria per estendere l’utilizzo di Avamar
all’interno di ambienti di produzione molto più estesi. Le
grandi organizzazioni possono ora implementare Avamar per
progettare infrastrutture di ripristino estremamente ottimizzate e
scalabili, consolidare la gestione dei processi di protezione dei
dati e indirizzare backup selezionati verso i sistemi più adatti
sulla base di attributi specifici dei workload. Inoltre, la
capacità di Data Domain di supportare simultaneamente più carichi
di lavoro può supportare meglio gli utenti a migrare dal software
di backup in loro possesso e rispondere ad esigenze di storage
nearline. Avamar 6.0 aumenta in maniera significativa la velocità
e l’efficienza per gli amministratori VMware, grazie agli
avanzamenti della tecnologia VMware vSphere, per una velocità di
backup fino a tre volte superiore rispetto ai competitor.

Le caratteristiche principali sono:

– Integrazione con Data Domain. L’integrazione di Avamar e Data
Domain è resa possibile attraverso il software Emc Data Domain
Boost, ora incluso nei client Avamar. Dd Boost consente ad Avamar
di gestire centralmente backup, ripristino e replica di dati sui
sistemi storage Data Domain. Dd Boost distribuisce i carichi di
deduplicazione in maniera differente rispetto alla deduplicazione
standard di Avamar e offre performance migliori per lo streaming di
carichi di dati più pesanti, come nel caso di backup e ripristino
di database completi, minimizzando al contempo la necessità di
ampiezza di banda client/server. Gli amministratori Avamar hanno
ora l’opzione di indirizzare i backup verso sistemi Data Domain o
verso Data Store di Avamar sulla base di linee guida relative alle
specifiche applicazioni e relativi livelli di servizio richiesti.
Avamar 6.0 supporta il backup di sistemi Oracle, Microsoft
Exchange, SharePoint e SQL Server e di immagini VMware su sistemi
Data Domain.

– Miglioramenti al backup di VMware vSphere. L’implementazione
completa delle Api VMware vStorage per la protezione dei dati e la
forte integrazione con VMware vCenter Server consentono ad Avamar
6.0 di fornire velocità e semplicità. Le modifiche al supporto di
tracking dei blocchi offrono backup e recovery più veloce. Il
pooling dei proxy server virtuali consente backup più rapidi. La
flessibilità delle opzioni di ripristino del livello delle
immagini semplifica il recovery.

– Scalabilità. L’introduzione di Avamar Data Store Gen 4
incrementa di oltre due volte la capacità utilizzabile, arrivando
a 124Tb. Inoltre, è possibile aggiungere numerosi sistemi Data
Domain (incluso il nuovo Dd890, che supporta fino a 285 TB della
capacità utilizzabile) per offrire ulteriore storage per carichi
di lavoro specifici.

“Sono sempre più numerose le aziende che scelgono la
virtualizzazione: questo dimostra che esiste una effettiva e
pressante necessità di disporre di una metodologia di backup più
efficace, che consenta l’implementazione di applicazioni virtuali
in produzione”, afferma David A. Chapa, Senior Analyst,
Enterprise Strategy Group. “Con la sua integrazione con i sistemi
Data Domain attraverso il software Dd Boost, Avamar 6.0 offre un
livello di scalabilità e flessibilità totalmente nuovo. Con
questo annuncio, Emc ridefinisce gli standard di mercato puntando
su innovazione ed integrazione delle soluzioni di protezione per
infrastrutture virtuali”.

“La protezione delle macchine virtuali emerge come elemento
cardine per coloro che stanno valutando se riprogettare il backup
muovendosi verso modelli basati su cloud”, aggiunge BJ Jenkins,
Presidente, Emc Backup Recovery Systems Division. “Avamar 6.0
risponde a queste considerazioni in maniera più efficace di
qualsiasi altro prodotto disponibile sul mercato, mentre
l’integrazione con i sistemi Data Domain ne espande
l’applicazione all’interno delle imprese. Emc continua ad
integrare ed arricchire la sua offerta di protezione dei dati, a
vantaggio dei suoi clienti”.

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link