Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Anti-virus 2010 riceve il Gold Malware Award

23 Feb 2010

Kaspersky Lab annuncia che Kaspersky Anti-Virus ha ricevuto il Gold
Malware Award dall’Anti-Malware Test Lab, un autorevole portale
che effettua test di ricerca sulla sicurezza informatica.
Diciassette soluzioni di sicurezza sono state testate da
Anti-Malware Test Lab per valutare la loro efficacia nel
trattamento delle infezioni attive. I prodotti testati includevano
tra gli altri Microsoft Security Essentials 1.0, Norton AntiVirus
2010, Sophos Anti-Virus 9.0, e McAfee VirusScan Plus 2010. Il test
è stato condotto nel periodo di gennaio-febbraio 2010 su macchine
reali con sistema operativo Windows XP SP3 e seguendo una
metodologia appositamente progettata per valutare la capacità di
difesa dei prodotti antivirus contro tutti quei programmi maligni
che possono penetrare il sistema e nascondere le tracce della loro
attività.

Dai risultati del test, Kaspersky Anti-Virus 2010 si è
classificato primo insieme a Dr. Web Anti-Virus 5.00. Altri cinque
prodotti sono stati premiati, ma il resto dei prodotti testati, tra
cui Trend Micro AntiVirus plus AntiSpyware 2010, McAfee VirusScan
Plus 2010 e Nod32 Antivirus 4.0, non hanno superato il test e sono
stati giudicati incapaci di contrastare le minacce attive.

"L’Anti-Malware Test Lab ha raccolto le caratteristiche
fornite dai produttori ed ha eseguito il test su computer reali
invece di usare macchine virtuali. Questo approccio ha permesso di
avere un’idea più chiara del reale stato delle cose "
sostiene Vyacheslav Rusakov, senior software developer di Kaspersky
Lab. "Di anno in anno i malware stanno diventando un problema
sempre più grande. Rootkit e minacce complesse dimostrano una
chiara tendenza all’utilizzo di codici maligni sempre più
sofisticati. La richiesta di miglioramento delle componenti per
combattere le infezioni attuali sono dunque cadute nel vuoto, come
ha chiaramente dimostrato l'ultimo test”.