Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Antiga nuovo Country Marketing manager

12 Apr 2010

Google annuncia la nomina di Alessandro Antiga a nuovo Country
Marketing Manager per l’Italia. In questo ruolo, Antiga sarà
responsabile della struttura marketing italiana che si occupa di
definire e implementare strategie di marketing e comunicazione a
sostegno del portafoglio prodotti consumer di Google e dei servizi
pubblicitari che compongono il core business dell’azienda.

“Fin dal suo ingresso in Google, Antiga ha fornito un contributo
valido e prezioso alla nostra struttura”, ha dichiarato Stefano
Maruzzi, Country Manager Google Italy. “Per questa ragione siamo
molto lieti di vedergli affidato un incarico di così grande
rilievo per l’azienda, certi che potrà sviluppare nuovi,
significativi progetti per l’Italia”.

33 anni a luglio, Antiga, prima di questo incarico, ha ricoperto il
ruolo di Marketing Manager B2B di Google Italy. In Google da
gennaio 2008 si è occupato prevalentemente delle strategie per la
diffusione del know how relativo alla comunicazione online e ai
vantaggi offerti dai servizi pubblicitari di Google sia nei
riguardi delle PMI italiane, che dei grandi advertiser clienti di
Google.

Tra i progetti seguiti da Antiga fino ad oggi vi sono il lancio di
servizi di consulenza AdWords dedicati e attività di educazione su
scala nazionale all’utilizzo di YouTube e del Search
Marketing.

Laureato in Economia Aziendale, prima di Google Antiga ha lavorato
in Unilever Italia per circa sette anni, ricoprendo da ultima la
carica di Group Brand Manager per le linee Hair Care &
Deodorant.

“Sono entusiasta di questo nuovo incarico e ben consapevole della
sfida professionale che mi attende”, ha dichiarato Alessandro
Antiga. “In questo ruolo intendo contribuire attivamente alla
diffusione degli importanti progetti che abbiamo sviluppato nel
nostro paese e operare per evidenziare ulteriormente le esigenze
locali all’interno delle nostre strategie marketing
internazionali”.