Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ballmer: “Windows 7, in due anni 400 milioni di licenze”

Il Ceo di Microsoft: “E’ il sistema operativo diffuso più velocemente nella storia”. In cantiere la prossima versione: focus su smartphone, server e cloud

13 Lug 2011

Vendute oltre 400 milioni di licenze per Windows 7 in meno di due
anni. L'annuncio è stato dato da Steve Ballmer in apertura
dell’annuale Worldwide Partner Conference (Wpc) di Microsoft,
durante la quale il Ceo di Microsoft, ha ringraziato i partner per
aver scelto l'ultima versione del sistema operativo e che lo
hanno reso l'Os "venduto più velocemente nelle
storia". Il Ceo ha inoltre annunciato che "grazie alle
versioni future attualmente in fase di sviluppo, i partner potranno
continuare a puntare sul successo di Windows per telefoni, Pc,
server e cloud".

Dando dunque il benvenuto a circa 15.000 partner provenienti da
tutto il mondo, Ballmer ha dichiarato che “sono state vendute
oltre 400 milioni di licenze per Windows 7 in meno di due anni e
che il miglior modo per preparare clienti effettivi e potenziali al
futuro consiste nell'indirizzarli verso Windows 7”.

Evidenziando questo punto, Tami Reller, Corporate Vp e Chief
Financial Officer di Windows e Windows Live, ha enfatizzato il
fatto che Windows 7 è sulla strada che porta a Windows 8. Dopo
aver notato che esistono ancora oltre 300 milioni di Pc che montano
Windows XP, lanciato nel 2001, Reller ha affermato che i partner
dispongono di una reale opportunità di offrire ai clienti valore
aggiunto nel breve termine e "prepararli per il
futuro".

Nell'introdurre una panoramica degli aspetti futuri di Windows,
Reller si è rivolto ai partner, informandoli del fatto che ,
nonostante il successo e la crescita record di Windows 7, esiste
ancora una grande opportunità di distribuzione di Windows 7, sia
per il presente che per il futuro. "Prevediamo un futuro con
un ambiente aziendale eterogeneo, con dispositivi e applicazioni
basati su Windows 8, accanto a Pc e applicazioni su Windows 7 – ha
sottolineato – Alla base della possibilità di rendere disponibile
Windows 8 vi è la flessibilità, caratteristica comprovata di
Windows. La sua capacità di adattarsi nel tempo è quello che
permetterà a Windows di continuare ad essere altamente rilevante
anche nel futuro".

Durante un discorso a tutto campo in cui ha evidenziato i momenti
più significativi dell'anno passato e illustrato le novità
future, Ballmer ha sottolineato i principali successi ottenuti per
Windows Phone, inclusa la partnership con Nokia; per Xbox, con
Kinect e la strategia adottata per portare la console senza
controller e l’intrattenimento in salotto , oltre che portare la
Tv su Xbox. Ha illustrato i progressi ottenuti con Bing, mostrando
una demo di Bing su Xbox ("Tu lo dici, Xbox lo trova") e
le funzionalità di social network in Bing, disponibili grazie alla
partnership di Microsoft con Facebook. Infine ha fornito un
aggiornamento sull'acquisizione di Skype da parte della
società, ha ribadito l'importanza dei servizi cloud.

Reller ha inoltre annunciato l'edizione beta della prossima
versione di Windows Intune per la gestione e la sicurezza di PC
basati su cloud. Windows Intune fornisce ai clienti la migliore
esperienza Windows offrendo loro l'accesso alla versione più
recente e avanzata di Windows, oltre alle funzionalità di gestione
e sicurezza del Pc nel cloud. Le nuove funzionalità di Windows
Intune, incluse la distribuzione di software e le attività remote,
rafforzeranno ulteriormente le opportunità per i partner.
L'edizione beta pubblica limitata è disponibile
all'indirizzo http://technet.microsoft.com/windows/intune.

Per quanto riguarda le scelte dei partner, American Airlines
aggiornerà a breve la modalità di utilizzo di Windows Phone, che
consentirà, secondo un portavoce della compagnia aerea, "il
servizio di informazioni sui voli più veloce al mondo ".
L’aggiornamento consentirà di fornire in tempo reale le
informazioni sullo stato dei voli, inclusa la modifica dei gate e
le aree di ritiro bagagli: i dati presenti nel sistema di
prenotazione di American Airlines verranno inviati in un sistema
Windows Azure basato su cloud, in modo da poter inviare le
notifiche sullo stato dei voli direttamente nei Live Tile di
Windows Phone. I clienti di American Airlines che scaricano
l'applicazione e la impostano per l'avvio disporranno di
accesso immediato alle informazioni sui loro viaggi più frequenti,
direttamente sull'interfaccia utente principale del telefono,
eliminando la necessità di ricevere aggiornamenti tramite SMS,
posta elettronica o chiamate telefoniche. L'applicazione è
stata sviluppata insieme al partner Microsoft Migration Mobi
diAustin in Texas.

Boeing utilizza, invece, ottimi metodi per commercializzare il
richiestissimo 737 con Windows Azure, il sistema operativo Windows
e Windows Touch. Lo strumento "Boeing 737 Explained",
sviluppato da Boeing e Wire Stone Llc, un Microsoft Gold Certified
Partner, è ospitato sulla piattaforma Windows Azure.
Al Los Angeles Unified School District, secondo in termini di
grandezza negli Stati Uniti, verrà utilizzato Microsoft Dynamics
Crm per i 70.000 dipendenti e SpaceX, una società privata
designata come successore del programma statunitense Space Shuttle,
utilizzerà Microsoft Dynamics AX 2012 per la gestione finanziaria
e contabile dei progetti.

Dopo meno di due settimane dal lancio ufficiale di Office 365,
oltre 50.000 organizzazioni stanno sperimentando il servizio, con
una media di una società ogni 25 secondi. Ballmer ha affermato che
tra le società incluse nell'elenco Fortune 500 la media di
utilizzo dei Microsoft Online Services è superiore a 1 su 5 e che
il passaggio al servizio basato su cloud è attualmente in corso
nell'ambito delle grandi organizzazioni mondiali, tra cui
l'American Red Cross, dove entro la fine dell'anno è
prevista la migrazione a Office 365 per oltre 66.000 utenti, e
Softbank Technology Corp. in Giappone, passata a Office 365 per
ridurre i costi complessivi di gestione della tecnologia, ottenendo
nel contempo un aumento di produttività nelle 19 affiliate.