Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Broggi lascia Consip. Casalino il nuovo Ad

Il manager dice addio alla Spa del ministero dell’Economia dopo due mandati. Il timone passa nelle mani del responsabile dei sistemi informativi dell’Enav. A Ferrari la presidenza al posto di Catanzaro

12 Mag 2011

Danilo Broggi lascia la guida di Consip. Dopo due mandati il
manager non sarà più amministratore delegato della Spa del
ministero dell’Economia. A succedere a Broggi sarà – come
deciso dal Mef, azionista unico della società – Domenico
Casalino, attuale membro del Cda. Al Tesoro dal 1988, Casalino è
stato fino al 2006 responsabile dei sistemi informativi del
Dipartimento del Tesoro. Dal 2007 al maggio 2011 è stato
responsabile dei sistemi informativi gestionali di Enav.

Casalino ha inoltre condotto numerosi progetti Ict per la
Presidenza del Consiglio del Ministri, per Enti e per Società
pubbliche. E’ stato Vice Presidente di Consip, membro del
Consiglio d'Amministrazione della banca Coopercredito-Gruppo
Bnl, del comitato di sorveglianza sulla liquidazione coatta
amministrativa delle società Finanziaria Ernesto Breda e Reggiane
Omi del disciolto Efim, del Nucleo di Valutazione Regionale per gli
investimenti sanitari della Regione Lazio quale esperto di sistemi
informativi, nonché della commissione per l'omologazione dei
microprocessori della carta d'identità elettronica presso il
Ministero dell'interno.
Alla presidenza, al posto di Giocvanni Catanzaro, è stato nominato
Raffaele Ferrara.

Nel Consiglio di amministrazione siedono anche Francesco Castanò,
Giuseppe Vito Forese e Francesco Paolo Schiavo.

"L’Azionista – si legge in una nota diffusa da Consip – ha
ringraziato Giovanni Catanzaro e Danilo Broggi, presidente e
amministratore delegato uscenti, per l’ottimo lavoro svolto alla
guida della Società nell’arco di due mandati".
Danilo Broggi era stato in lizza per la guida di Poste Italiane,
carica poi riconfermata a Massimo Sarmi.