Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Cresce il social network ma serve più controllo

Cisco: gli strumenti di social networking trovano sempre più spazio nelle imprese, ma è necessario un salto sulla consapevolezza dei rischi

19 Gen 2010

I social networking  nati per il mondo consumer, stanno
progressivamente trovando spazio anche nel mondo delle imprese. A
rivelarlo è uno studio globale realizzato da Cisco. Seppure si
tratti di strumenti importanti,  rischi e responsabilità di un
utilizzo a livello aziendale non sono ancora chiaramente
identificati, valutati e gestiti; appare quindi evidente la
necessità di migliorare la governance di tali strumenti e di
coinvolgere i reparti IT rispetto al loro utilizzo.
Secondo l'indagine, che ha visto coinvolti 105 rappresentanti
di 97 aziende con sedi in 20 Paesi diversi, Italia inclusa,
piattaforme quali Twitter o Facebook vengono sempre più
frequentemente utilizzate come strumenti di informazione e
collaborazione, con l'obiettivo di migliorare le relazioni con
i clienti e, più in generale, la brand awareness.

I dati raccolti  evidenziano che il 75% delle aziende interpellate
utilizza social network, mentre il 50% di esse dichiara di aver
fatto uso di strumenti di microblogging. In particolare, sono
interessati ai nuovi media le aree del marketing e della
comunicazione, le risorse umane e il servizio clienti, che spesso
ammettono di utilizzare questi strumenti come parte integrante
delle loro attività. Sono però ancora poche quelle che hanno
identificato processi strutturati per l'utilizzo dei social
networking per scopi aziendali: solo una su sette, mentre solo una
su cinque delle realtà intervistate parla di policy o di
governance.
Secondo Evgeny Kaganer, ricercatore capo della Iese Business
School, “I risultati della ricerca evidenziano che il potere e
l’influenza dei social network sul business è sottostimato,
così come le trasformazioni che le aziende devono porre in essere
non solo per proteggersi, ma anche per incoraggiare l’uso di
questi strumenti e trarre vantaggio dalla collaborazione che essi
abilitano.”

Nell’insieme, i partecipanti allo studio hanno riconosciuto che
il social networking e gli strumenti di collaboration diverranno
sempre più complessi e continueranno ad avere un influenza sul
modo di fare business. “Le aziende che sapranno far proprio con
successo l’incredibile potere del social networking saranno
quelle che sapranno progettare una architettura IT basata sulla
collaborazione, in grado di supportare l’utilizzo di tali
tecnologie mitigandone, allo stesso tempo, i rischi” ha detto
Nick Earle, senior v.p.di Cisco Services.