Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

CASO BOSTON

Eric Schmidt: “Il web può sbagliare”

Il presidente esecutivo di Google mette in guardia gli utenti dopo gli attentati di Boston: “Internet ha dato un significativo contributo nella caccia ai sospettati, ma non sempre le informazioni che circolano online sono corrette”

22 Apr 2013

Autocritica del Web. Eric Schmidt, il presidente esecutivo di Google, ha messo in guardia il popolo della rete dopo le bombe di Boston: anche se il mondo digitale ha dato un contributo significativo nella caccia ai sospetti, non sempre Internet ci prende al primo colpo. “C’è una corsa al giudizio online, anche se nel complesso arriviamo alla risposta giusta abbastanza in fretta”, ha detto Schmidt in una intervista alla Nbc: “Ma bisogna fare attenzione. La prima cosa che gira in rete può non essere corretta anche se poi in mondo online si corregge da sé”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
eric schmidt
G
google