Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Eutelia vende la divisione It ad Omega per 96 mila euro

A due anni dall’ingresso nel settore, Eutelia torna alle telecomunicazioni e vende la divisione IT ad Omega

16 Giu 2009

È ufficiale, Eutelia ha siglato l'accordo per la vendita delle
attività IT- fatte confluire nella controllata Agile – a Omega,
società specializzata in soluzioni per il document management.
L'operazione è costata ad Omega 96 mila euro, corrispondente
al valore nominale delle quote di Agile vendute.

Le attività cedute – servizi di gestione delle postazioni di
lavoro, sviluppo software, gestione dei contact center e
all'outsourcing di data center – rappresentano un giro
d'affari di circa 120 milioni di euro, con un portafoglio
ordini di 130 milioni, a cui lavorano 2.160 addetti. Assieme a
queste attività, Omega acquista anche 6 milioni di debito
finanziario.
Fondata nel giugno del 2001, Omega S.p.a. sviluppa un software per
l’archiviazione ottica sostitutiva, e nel 2008 ha realizzato un
fatturato consolidato di 105 milioni di euro, con oltre 2.000
dipendenti in 12 sedi, e un patrimonio netto di oltre 20 milioni.
Oltre alla gestione elettronica dei documenti, Omega fornisce anche
servizi di consulenza, customer care e gestione dei sistemi
informativi ad aziende che operano nel settore dei trasporti urbani
e ferroviari, e ad enti della PA.

Esce così dunque dal mercato dell'IT Eutelia dopo due anni di
permanenza, e torna a concentrarsi sulle telecomunicazioni, con
l'obiettivo di riportare il Gruppo all’utile netto già
nell’anno 2010 come previsto dal piano industriale annunciato in
aprile.

Nel primo trimestre di quest'anno la società della famiglia
Landi aveva già annunciato un calo del 25% del fatturato globale,
con una perdita netta di 20 milioni e una posizione finanziaria
negativa per 69 milioni. Nel 2008, poi, erano diminuiti i ricavi
dell'IT del 15% a 24,6 milioni di euro, con una perdita di
quasi 13 milioni.