Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Exploits sul “podio” della Top 20 dei malware

15 Giu 2010

Kaspersky Lab ha emesso il suo report sulle statistiche dei malware
specificando quali infezioni sono state riscontrate e bloccate
dalle soluzioni Kaspersky nel mese di maggio

Exploits – un programma dedicato per l’attacco attraverso
alcune vulnerabilità di software regolari – ed i suoi relativi
trojan, hanno dominato non solo la top 20 dei malware rilevati sui
computer degli utenti, ma anche la classifica dei malware nativi su
Internet.

Negli ultimi mesi, entrambe le classifiche hanno mostrato un deciso
incremento dell’uso di Exploit da parte dei criminali
informatici. Il loro obiettivo rimane la stesso – il furto di dati
sensibili dell'utente – ma le tecniche di propagazione ed i
metodi per prevenire l’identificazione ed il rilevamento sono
cambiati.

Una voce degna di nota nella top 20 dei malware è un trojan che
ruba dati di accesso, account e password, dei più popolari giochi
online. I giocatori di CabalOnline, Metin2, Mu online e vari altri
giochi sviluppati da Nexon.net sono stati tutti colpiti dal
“Trojan-GameThief.Win32.Magania.dbtv”.

Undici dei malware della top 20 di maggio sono Exploit, di un tipo
o dell'altro, ed i suoi relativi trojan. Questi programmi
maligni occupano cinque posti consecutivi nella top 20 a partire
dal 2° posto, comparendo nella lista in gruppi di due o tre.
Tre dei nuovi arrivati sono Exploit per Java e pertanto si
consiglia vivamente agli utenti di questa piattaforma di verificare
spesso la presenza di aggiornamenti del software.

Il prima posto nella top 20 va al
“Trojan-Clicker.JS.Iframe.bb”. Questo particolare malware è
progettato per aumentare il contatore delle visite ad un
determinato sito, inducendo il computer infettato a generare visite
all’insaputa e senza il consenso del proprietario. Nel mese di
maggio solo questo trojan ha infettato quasi 400.000 siti web.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link