Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Facebook colpito dal bug. Migliaia di profili cancellati

Marc Zuckerberg si scusa per l’inconveniente dovuto a un errore ingegneristico. Per riattivare gli account scomparsi necessario inviare una copia scannerizzata del documento di identità

17 Nov 2010

Il sito di Facebook è andato momentaneamente in tilt, cancellando
migliaia di profili soprattutto fra le utenti femminili. In Rete
l'inconveniente ha scatenato il finimondo. Il baco è stato
causato dagli ingegneri di Palo Alto, contenuto nel sistema di
riconoscimento lanciato dai tecnici del social network, il giorno
dopo il lancio del nuovo servizio e-mail di Facebook. Pronte le
scuse di Marc Zuckerberg.

Assalto dei cybernauti su Twitter, per denunciare
"L'attacco hacker a Facebook, che non solo è in tilt, ma
è vittima di un hacker sessista", si legge in un post
lasciato in Rete, riportato dal sito del Los Angeles Times.

Insomma, l'errore dei tecnici di Facebook ha provocato la
cancellazione di migliaia di profili attivi e di altrettante
password. Per riattivare i profili, gli utenti cancellati devono
inviare a facebook l'immagine scannerizzata di un documento di
identità con tanto di foto. Senza l'invio di un documento di
riconoscimento, l'account non sarà riattivato. Un bel problema
per migliaia di utenti, visto che gli account registrati sul social
network si aggirano intorno al mezzo miliardo.

In una nota Facebook dice di aver riscontrato il baco "nel
sistema disegnato per scoprire e disattivare account falsi. Il
baco, in circolazione per un breve periodo di tempo, ha disattivato
per errore un numero minimo di account. Appena scoperto il baco, ci
siamo subito messi al lavoro per eliminarlo. Il problema è stato
risolto. Stiamo contattando tutti gli utenti che sono stati colpiti
dal bug".

Intanto, oggi online è stato indetto l’"Unfriending
day", il giorno dell'inimicizia virtuale, per scaricare i
falsi amici di Facebook. A lanciare l'appuntamento il comico e
conduttore Usa Jimmy Kimmel dal suo show in onda su Abc. Niente a
che vedere con il "Quit Day" di quest'estate, che
invitava a cancellarsi dal network in seguito alle polemiche sulla
privacy.

A confermare il crescente interesse nei confronti di cerchie online
più ristrette di amici, i cosiddetti ''pochi ma
buoni'', l'esordio qualche giorno fa di Path, nuovo
social network per smartphone, che punta a valorizzare le vere
amicizie consentendo di avere un massimo di 50 contatti.